È arrivata oggi negli uffici dell’assessorato ai Trasporti della Regione Piemonte la risposta di Gtt alla sollecitazione dell’assessore Marco Gabusi, anche a seguito di un ordine del giorno del consigliere regionale Mauro Fava, di non aumentare le tariffe per la linea Canavesana, Pont-Rivarolo-Chieri. La richiesta, inviata lo scorso 20 novembre, è nata dall’acuirsi delle situazioni di disagio sulla SFM1 e dal contestuale aumento delle tariffe degli abbonamenti a partire dal primo dicembre.

Nella sua risposta Gtt conferma che, pur non potendo revocare l’aumento, è però possibile attivarsi immediatamente con l’Agenzia della mobilità piemontese per la definizione di un «diverso bonus», ovvero di uno sconto sulla tariffa sui servizi nelle tratte Pont–Rivarolo–Torino e Torino–Trofarello–Chieri, in modo da annullare l’impatto dell’annunciato aumento. Cogliendo l’occasione l’Agenzia intende rendere il più efficace possibile questo bonus e sta già riscrivendo le condizioni di scontistica in modo che venga spalmato su più linee possibile a partire dal prossimo abbonamento mensile, a gennaio 2020.

«In questa occasione GTT si è dimostrata comprensiva e siamo soddisfatti per l’impegno dichiarato – commenta l’assessore Gabusi - la nostra richiesta si inserisce in una più ampia sollecitazione a mettere in atto tutte le azioni possibili per migliorare la qualità del servizio ferroviario in modo da ridare ai cittadini un servizio pubblico soddisfacente». La situazione dei disservizi sulla SFM1 non è nuova: dal mese di settembre risultano infatti 68 cancellazioni di servizi ferroviari per l’intera tratta o per tratte parziali di cui il 34% causate da guasti al materiale rotabile, il 31% da cause gestionali di Gtt e il 18% da eccessivo ritardo.

«Sono soddisfatto, il lavoro incessante di queste settimane ha portato alla fine ad un esito positivo – commenta il consigliere della Lega Mauro Fava, presidente della Commissione Trasporti – non c’erano purtroppo i tempi tecnici per bloccare l’entrata in vigore delle nuove tariffe ma perlomeno dall’anno nuovo si tornerà alla situazione precedente. Gli aumenti, vista la situazione della Canavesana, erano intollerabili e ingiustificabili. Devo ringraziare l’assessore Gabusi per l’ottima collaborazione che si è instaurata sin da subito. Ora, però, non molliamo la presa su Gtt, che deve fare molto di più per assicurare condizioni migliori agli utenti della linea ferroviaria».

Galleria fotografica

Articoli correlati