IVREA - Arriva su change.org, la piattaforma di petizioni on-line, l’appello pubblico di genitori e docenti eporediesi per la riapertura delle scuole a settembre. La petizione, che ha già raccolto più di 400 firme, sottolinea come la didattica a distanza durante il lockdown legato al coronavirus abbia mostrato diverse criticità: «Gli alunni più fortunati possono seguire le lezioni, sono accompagnati dalla guida di un parente, si trovano in un ambiente adatto alla concentrazione necessaria e sono dotati di strumentazioni utili per la didattica a distanza. I meno fortunati, invece, non hanno le medesime opportunità, a partire dalla mancanza di un pc per ogni studente o della disparità nell’efficienza della linea telefonica. Come cittadini notiamo, e con preoccupazione, l’incremento di differenze sociali esistenti prima che la crisi sanitaria esplodesse».  

L'appello è rivolto al sindaco di Ivrea, Stefano Sertoli, e agli assessori Michele Cafarelli e Giorgia Povolo. «Come responsabili dei minori abbiamo vissuto questo periodo come un momento di emergenza e pertanto abbiamo collaborato con gli insegnanti dei nostri figli e nipoti affinché le mere nozioni potessero essere loro fornite. Tuttavia i limiti di ciascuno di noi in merito alle conoscenze specifiche e la privazione del confronto in presenza tra pari non hanno permesso a bambini e ragazzi di svolgere un percorso intenso e di sviluppare le competenze linguistiche, logiche, sociali in modo adeguato». 

Nel testo dell'appello si fa inoltre presente come bambini e ragazzi necessitino di tornare al più presto sui banchi di scuola anche per riappropriarsi di quelle relazioni e legami sociali di cui i minori hanno strettamente bisogno e necessità durante l'età dello sviluppo. Si chiude chiedendo agli amministratori comunali un impegno concreto per riprendere le attività scolastiche in presenza a partire dal prossimo settembre 2020: «Chiediamo pertanto alle istituzioni di farsi carico delle proprie responsabilità e attivare fin da ora delle strategie concrete affinché le scuole abbiano a disposizione delle strutture idonee per accogliere gli studenti nella piena efficienza fin dal primo giorno di scuola dell’anno scolastico 2020-2021»

Galleria fotografica

Articoli correlati