L’assessore al Lavoro della Regione Piemonte, Elena Chiorino, si è recata questa mattina a Ivrea, dove era in corso una manifestazione di protesta dei lavoratori della Manital, che da tempo è in difficoltà con il pagamento degli stipendi, per incontrare i vertici del consorzio: «Invece la proprietà non si è fatta vedere e sono stata ricevuta da due persone che non avevano autorizzazione per dare risposte concrete. Una situazione paradossale, a tratti imbarazzante, dal momento che la mia intenzione era quella di fare il punto della situazione in un incontro interlocutorio, necessario per capire senza filtri quali fossero le difficoltà oggettive e in che modo la Regione avrebbe potuto agevolare un’evoluzione favorevole della vicenda, che vede coinvolti 1500 lavoratori piemontesi».

«Il comportamento dell’azienda è inaccettabile - continua Chiorino - i lavoratori non possono essere utilizzati come banche. A questo punto la Regione si attiverà immediatamente per chiedere a tutti gli enti pubblici che hanno in essere commesse con Manital la surroga dei pagamenti a favore dei dipendenti che attendono da mesi di essere pagati. A tal fine ho già chiesto ai miei uffici di fare uno screening per conoscere con esattezza quali e quanti enti pubblici piemontesi hanno in essere commesse con Manital». L’assessore ha poi incontrato una delegazione di lavoratori davanti alla sede eporediese.

Galleria fotografica

Articoli correlati