Le frasi contro i nomadi scritte su Facebook anni fa dall’assessore di Ivrea Giorgia Povolo dopo aver subito un furto sono state ora impugnate da un'associazione romana che tutela l’etnia Rom. E’ scattata quindi la denuncia a carico dell'assessore alle politiche sociali del Comune. La Lega difende la sua esponente eporediese. «La denuncia è assurda, così come è assurdo tutto il caso mediatico e politico che è stato montato mesi fa. E’ un’evidente strumentalizzazione per colpire un’esponente della Lega – commenta il senatore del carroccio, Cesare Pianasso – ricordiamoci che le frasi che Giorgia ha scritto su Facebook, inopportune e esagerate se vogliamo, risalgono a quando non aveva alcun incarico amministrativo, né era candidata».

Per Pianasso va ricordato che quelle frasi erano state scritte «in un moto di rabbia, dopo aver subito un furto con il quale aveva perso soldi, documenti ed effetti personali: quindi era lei la vittima. Quel post è stato copiato e tenuto “in ghiaccio” da qualcuno per mesi e mesi per poi tirarlo fuori dopo che è diventata assessore nella giunta Sertoli. Già la campagna mediatica di mesi fa era stata esagerata, ma con la denuncia abbiamo veramente oltrepassato ogni limite».

Il partito ribadisce la sua solidarietà a Giorgia Povolo: «Siamo sicuri che questa vicenda assurda si esaurirà in un nulla di fatto. Piuttosto, attendiamo dall’associazione romana le scuse ufficiali e pubbliche nei confronti di Giorgia e delle migliaia di italiani che come lei sono stati derubati, truffati o rapinati da delinquenti di etnia Rom».

Galleria fotografica

Articoli correlati