Tra gli obiettivi di Giochiamo Insieme al Parco Giochi, il progetto promosso dall’Associazione Cor et Amor e dall’Assessorato all’Istruzione della Città di Ivrea, che si è svolto nel mese di Maggio 2019 e si è concluso con la consegna degli attestati a tutti i bambini, vi è stato quello di dare un’identità ai parchi giochi cittadini. Per fare questo sono stati coinvolti i bambini delle classi terze delle scuole primarie di Ivrea. Ciascuna classe è stata abbinata ad un parco giochi ed ha proposto 3 nomi, ispirati ai racconti, alle fiabe ed alle favole.

La scelta conclusiva del nome è spettata al Consiglio Comunale delle Ragazze e dei Ragazzi, composto dai consiglieri De Stalis Federico, Gjoni Nicolas, Ranfagn Ilaria, De Nigris Cecilia, Fogagnolo Vittoria, Benedino Francesco, Paonessa Filippo, Carullo Emanuele, Canavese Marta, Zampieri Gabriele, Scazzoli Luca, che convocato in seduta pubblica e seguito da Giovanni Repetto ed Eleonora Serena Guinzio del Servizio Istruzione, ha votato i nomi. La scelta è stata: per il parco giochi della Zona Mercatale di San Grato: il Giardino dell’avventura (su proposta della 3° A della primaria “Adriano Olivetti”).

Per Il parco giochi vicino la Dora: Cappuccetto Verde (su proposta della 3°a della Costantino Nigra). Per il parco giochi dei Giardini Giusiana: La Torre Fatata (su proposta della 3°B della Fiorana). Per il parco giochi Zona Via Pertini: Bianconiglio (su proposta della 3°A della Fiorana). Per il parco giochi Zona Passerella: Cappuccettolandia (su proposta della 3° B della Costantino Nigra). Per il parco giochi zona Conad a San Grato: Pinocchio (su proposta della 3°b della primaria “Adriano Olivetti”). Per il parco giochi del quartiere San Giovanni: Pop Park (su proposta della 3° della primaria “Selina Lesca”).

Per il parco giochi dietro alla scuola di San Bernardo: La Bella la Bestia (su proposta della 3° della primaria di San Bernardo). Per il parco giochi del quartiere Bellavista: Parco Stilton (su proposta della 3° della Don Milani). Per quest’ultimo è stata richiesta l’autorizzazione all’autrice del racconto, in alternativa sarà scelto il secondo nome ad essere stato votato. I nomi, grazie alla collaborazione dell’Ufficio Tecnico e  di Paolo Vicario, cantoniere comunale, sono stati esposti su delle targhe colorate, nei Parchi Giochi cittadini. Ora i parchi giochi di Ivrea possono essere chiamati, da piccoli e grandi, per nome.

Galleria fotografica

Articoli correlati