Mercoledì scorso il sindaco di Leini, Gabriella Leone, ha ricevuto in municipio una delegazione ufficiale di cittadini disabili visivi aderenti all'Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti (A.P.R.I.-onlus). Nel corso del cordiale colloquio si sono affrontate, con la prima cittadina, una serie di problematiche vissute dalla categoria sul territorio: dall'abbattimento delle barriere sensoriali ai servizi di trasporto, dalle questioni socio-assistenziali alla possibile collaborazione in progetti comuni. L'associazione si è inoltre messa a disposizione dei tecnici comunali per valutare insieme le soluzioni di accessibilità nei futuri progetti relativi al rifacimento di viabilità ed arredo urbano.

«Abbiamo trovato una persona molto sensibile e disponibile - ha commentato il presidente di APRI-onlus Marco Bongi - Gabriella Leone è, tra l'altro, un medico è conosce bene ovviamente i disagi ed i problemi delle persone disabili. Ci ha altresì mostrato alcune piste tattili realizzate nei più recenti lavori di risistemazione urbanistica vicino al Chiosso».

L'associazione ha infine chiesto ufficialmente al primo cittadino, così come sta facendo in molti comuni piemontesi, l'intitolazione di una via o giardino pubblico al grande educatore Louis Braille (1809-1852), l'inventore dell'alfabeto tattile utilizzato dai non vedenti in tutto il mondo. «Sarebbe un gesto di attenzione che non costa nulla economicamente ma avrebbe un alto valore morale». Al termine dell'incontro il sindaco ha concesso un'intervista agli ipovedenti che l'associazione ha pubblicato sul proprio canale Youtube e che trovate qui sotto.

Galleria fotografica

Articoli correlati