Sta suscitando numerose polemiche il videomessaggio pubblicato venerdì 14 marzo da Fabrizio Troiani, vicesindaco di Leini. Troiani, lamenta il fatto che a Leini non si riesca a fare una campagna elettorale normale senza denigrare o diffondere fake news nei confronti dell’attuale sindaco Gabriella Leone. «Come cinque anni fa - spiega - viene agitato lo spauracchio degli immigrati. Oggi ci riprovano: stanno dicendo che, una volta trasferite le scuole medie presso il “cubo" della cittadella, il plesso sarà riconvertito in un centro per migranti. Tutto questo è falso».

Non solo, Troiani attacca frontalmente Fortunata Ruvolo, attivista del M5S di Mappano, colpevole, a suo dire, di promuovere la petizione per evitare lo spostamento delle scuole medie: «Questa signora vi sta raccontando la “balla” che nel centro del paese verrà fatto un centro per migranti. Sorgerà invece un’opera di edilizia residenziale, che farà acquisire valore anche ad altre case, non saranno case popolari. Quando questa signora verrà a chiedervi la firma mostratele questo video e fatele vedere che voi siete più furbi di lei e non vi fate prendere in giro da chi gioca meschinamente sulle paure delle persone».

Non si è fatta attendere la replica del M5S: «Quando si è abituati a mentire - fanno sapere dal Movimento - farlo in un video postato sui social diventa facile anche quando ricopri una carica pubblica. Il vicesindaco è in cattiva fede mentendo e accusando persone oneste di comportarsi esattamente come lui. In quel video, tra insulti vari di cui risponderà, ha affermato che la trasformazione della scuola media “Carlo Casalegno” sarà solo edilizia residenziale, omettendo la parola “social housing” così come riportato in atti del consiglio comunale. Il vicesindaco evidentemente non conosce il significato di social housing, in quanto uno dei suoi obiettivi è quello di garantire benessere abitativo e integrazione sociale, dove trovano posto tanto alloggi popolari che rispondono alle politiche di un ente pubblico, quanto alloggi privati».

Non le manda a dire la lista “Cambia Leini con Noi” che denuncia l’arroganza, la scorrettezza e la maleducazione di Troiani: «Poster di StarWars sullo sfondo, foto di un’attivista in primo piano e dito inquisitore rivolto contro di lei. La politica, che è scelta e difesa delle proprie convinzioni e idee, non può mai ridursi in un offesa ed attacco alle persone senza che queste possano replicare. Tanto più se a offendere sono persone che rivestono un ruolo istituzionale come il vicesindaco. Troiani si premura di specificare che sorgeranno edifici residenziali di pregio e non case popolari (sia mai che il centro di Leinì sia invaso da “poveri”) - quello che ci colpisce è come certi "vizietti" della lista “più trasparente del mondo” lascino invece trasparire la povertà di argomentazioni e la volontà di portare la politica in rissa e non in un proficuo confronto a vantaggio dei cittadini. Vogliamo prendere sin da ora la distanza da questo modo di fare campagna elettorale, nella speranza che i cittadini leinicesi sappiamo riconoscere e premiare anche la correttezza e il rispetto nell’esprimere e difendere le proprie posizioni». (S.i.)

Galleria fotografica

Articoli correlati