FRONT - Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, l’assessore al Bilancio Andrea Tronzano e l’assessore ai Trasporti e Opere Pubbliche Marco Gabusi, insieme ai consiglieri di Forza Italia Mauro Fava e Paolo Ruzzola sono intervenuti ieri a Front all'incontro con le Amministrazioni comunali del territorio per annunciare le novità sul progetto tanto atteso della variante alla Sp460 Lombardore-Front. Un’opera di cui si discute da trent’anni che finalmente è arrivata ad un punto di svolta.

«Il presidente ha confermato che il Cipess – comitato interministeriale per la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile – ha deliberato lo stanziamento di 25 milioni di euro per la realizzazione del collegamento stradale Lombardore-Front – spiegano Fava e Ruzzola – dopo tanti annunci, finalmente questa è la volta buona: abbiamo “l'assegno” pronto da spendere per costruire la strada e quindi siamo sicuri che ora il progetto andrà avanti. Anche perché la Regione aveva già stanziato 200mila euro per consentire a Città Metropolitana di aggiornare il progetto, che non era più adeguato alla bisogna. Ora che i fondi ci sono, ci siamo fatti trovare pronti».

«Per il Canavese è un grande successo. Il presidente sottolinea sempre che il nostro impegno è sin dall’inizio quello di lavorare per consegnare ai cittadini una Regione migliore di quella che avevamo preso in consegna nel 2019. A livello di infrastrutture, con la Lombardore-Front, l’elettrificazione della Rivarolo-Pont e il collegamento della Torino-Ceres al sistema ferroviario metropolitano, a termine legislatura potremo dire di aver conseguito il nostro obiettivo».

Dello stesso avviso il consigliere regionale della Lega, Gianluca Gavazza: «L’ampliamento della strada, che attualmente serve il distretto industriale dello stampaggio, rappresenta un’opera strategica per le attività delle aziende locali e dei cittadini. Da autotrasportatore ho percorso molte volte le strade di questo territorio e ne conosco le criticità. La mobilità dell’area, finora, è infatti concentrata sulla 460, che sopporta un traffico giornaliero medio in entrambe le direzioni di circa 7.340 veicoli al giorno. Un’arteria insufficiente per la domanda di trasporto».

Galleria fotografica

Articoli correlati