Iniziano a concretizzarsi le istanze dell'amministrazione mappanese rispetto al servizio di trasporto pubblico gestito da GTT. Martedì 18 febbraio il Comune di Torino, l’Agenzia per la Mobilità Piemontese e GTT hanno presentato il progetto di revisione delle linee urbane e suburbane gestite dalla municipalizzata torinese e che, nelle intenzioni, dovrebbe entrare a regime entro la prossima estate. Alla conferenza stampa ha partecipato anche il Sindaco di Mappano, Francesco Grassi. 
 
Tra le proposte avanzate da GTT e che verranno concertate nelle prossime settimane anche con il Comune di Mappano, la realizzazione di una nuova linea, denominata "26", dedicata a collegare Leini e Mappano con la stazione ferroviaria di Torino Stura; stazione a sua volta connessa con la linea 46 urbana, la linea 4 e la linea diretta a Settimo Torinese. Tale soluzione continuerebbe a garantire l'attraversamento tradizionale con pullman e tram della zona nord del capoluogo, ma anche il raggiungimento in 7 minuti del centro città (Stazione di Porta Susa) attraverso i treni del Sistema Ferroviario Metropolitano. 
 
«La proposta della linea 26 è interessante - afferma l’Assessore delegato alla Viabilità, Massimo Tornabene - anche perchè, con un tragitto ridotto, dovrebbero ridursi i ritardi e gli imprevisti provocati dal traffico cittadino. Sono però diversi i dettagli che dovranno essere affrontati, come il numero di mezzi  programmati, specie nelle ore di punta e le formule di abbonamento previste. Su questo siamo già pronti a confrontarci con GTT e Agenzia. Inoltre - conclude Tornabene - proprio nei giorno scorsi abbiamo ribadito la nostra volontà a voler stipulare una convenzione che permetta ai mappanesi di beneficiare, in base al proprio ISEE, di uno sconto sull’acquisto degli abbonamenti annuali». 
 
Soddisfatto, anche se parzialmente, il sindaco Francesco Grassi: «Nel piano presentato da GTT - afferma il Primo cittadino - non è ancora previsto il collegamento di Mappano con i comuni confinanti, come Borgaro e Caselle, necessario per raggiungere l’Ospedale e l’Asl di Ciriè. Torneremo su questi temi in occasione degli incontri previsti. La proposta avanzata stamane è comunque un primo, importante passo avanti». Dallo scorso 31 gennaio, infatti anche il Comune di Mappano è stato ammesso formalmente all’interno dell’Agenzia per la Mobilità Piemontese.

Galleria fotografica

Articoli correlati