Il sindaco Francesco Grassi si difende e dopo le critiche piovute un po' da tutte le parti sulla gestione di palazzo civico a due mesi dalle elezioni che hanno sancito la nascita del Comune di Mappano. Quella di Grassi è una difesa d'ufficio. «Chi dovrebbe rispondere (i comuni cedenti di Caselle, Borgaro e Leini) a doveri nei confronti del comune di Mappano, peraltro previsti da leggi e delibere regionali e nazionali, non lo fa con la indispensabile celerità - dice il sindaco mappanese - di conseguenza si è obbligati a procedere con difficoltà continue e costanti, obbligando il comune di Mappano a frequenti formalizzazioni di solleciti e richieste peraltro di cose o procedure dovute».

Nei giorni scorsi Mappano ha rinnovato la pressante richiesta di garantire le risorse di personale strettamente necessarie al mantenimento del primo servizio scorporato di anagrafe di stato civile ed elettorale. Dalle stime della città metropolitana la prima dotazione organica del Comune di Mappano ammonterebbe a 24 dipendenti. «Questo primo servizio scorporato completamente non ha però avuto la disponibilità del personale sufficiente tanto che gli stessi amministratori mappanesi eletti hanno dovuto dare supporto materiale ed operativo all'unica dipendente distaccata per 10 ore dal Comune di Borgaro. Il Comune di Caselle ha dichiarato con lettera del 4 agosto di essere disponibile a distaccare 2 dipendenti aggiuntive presso il Comune di Mappano per coprire le ferie della dipendente di Borgaro nella seconda metà di agosto. Noi abbiamo chiesto di distaccare in modo continuativo tali unità di personale fino al trasferimento previsto dalla legge degli stimati 24 dipendenti dei quali ben 17 dovrebbero secondo le stime della città metropolitana arrivare dal comune di Caselle, 6 da quello di Borgaro e 1 da quello di Leini».

Il tutto cozza con le carenze organiche dei Comuni cedenti. Su questo Grassi chiede di prendere atto della previsione di legge chiarita da Corte Costituzionale e dalla Corte dei Conti rispetto all'obbligo di trasferimento del personale al nascente comune di Mappano. Richiesta legittima, per carità, ma, in questa fase, l'impressione è che con la mancata diplomazia non si risolvano i problemi.

Galleria fotografica

Articoli correlati