Rientra in azienda dopo il distacco sindacale e viene puntualmente licenziata. E' successo ad una donna di Perosa Canavese,  Claudia Bocca, sindacalista della Filctem Cgil. Claudia è una dipendente della Specchidea, un’azienda di Settimo Torinese con una ventina di dipendenti, del settore gomma plastica. L'altra mattina è rientrata dopo alcuni anni di distacco sindacale per la Filctem-Cgil. Al suo rientro ha trovato ad attenderla la lettera di licenziamento consegnatale direttamente dal titolare.

«La Filctem contesta totalmente questa gravissima decisione: Claudia Bocca è stata licenziata con pretestuose motivazioni che nascondono in realtà una ritorsione per l’azione sindacale da lei svolta. Già alcuni anni fa la sindacalista aveva subito un licenziamento discriminatorio da parte della Specchidea ed era poi stata reintegrata nel suo posto di lavoro dal giudice, che aveva condannato l’azienda per attività antisindacale».

Ieri alla Specchidea c'è stato uno sciopero di un'ora e mezzo per ogni turno. «La Filctem non accetterà né ora né mai il principio secondo il quale ad un/a sindacalista non sia data la possibilità di rientrare in azienda al termine del suo distacco sindacale perché immediatamente licenziato/a. Questa vicenda denota un’arroganza ed una insipienza aziendale che non è facile riscontrare in altri casi. A Claudia, che fa parte degli organismi dirigenti della categoria, va tutta la solidarietà della Filctem, ma non solo, poiché il sindacato porrà in essere tutte le azioni necessarie, a partire da quelle legali, per ottenere giustizia».

Galleria fotografica

Articoli correlati