«Il rifacimento del Ponte Preti deve essere inserito all’interno delle prime linee di finanziamento disponibili relative alla manutenzione straordinaria per le nuove acquisizioni di strade provinciali da parte dell'Anas». La deputata canavesana del Partito Democratico, Francesca Bonomo, presenterà in questi giorni alla Camera una mozione sul futuro dell'infrastruttura che, tra Baldissero Canavese e Strambinello, collega Ivrea con l'alto Canavese. Un tema, quello del “Ponte Preti”, già sollevato dall'ex senatore Eugenio Bozzello, che è tra le priorità dell'Agenzia per lo Sviluppo del Canavese, che rappresenta gli attori economici, sociali e amministrativi del territorio. 
 
«Il 50 per cento della produzione italiana dello stampaggio a caldo di acciaio – evidenzia Bonomo, che già nella passata legislatura aveva sostenuto il rifacimento dell’attraversamento del Chiusella e il completamento della Pedemontana – ha origine in Alto Canavese che, con 680mila tonnellate annue spedite, rappresenta il 10 per cento della produzione europea ed il 3 per cento di quella mondiale. Il sistema viario che funge da collegamento tra l’Eporediese e l’Alto Canavese presenta però alcune criticità strutturali, che creano da decenni una grossa difficoltà, soprattutto al traffico pesante, nel transito tra i due importanti poli industriali e manifatturieri». Da qui la richiesta di un intervento urgente sul “Ponte Preti”, che da anni è ormai sotto osservazione da parte dei tecnici della Città Metropolitana di Torino. 
 
La deputata del Partito Democratico, che è residente a Barbania, lancia poi un appello a tutti i parlamentari eletti in Canavese, di tutti gli schieramenti politici. «Seppur non manifesti gravi problemi strutturali relativi alla sua stabilità – conclude Bonomo – il “Ponte Preti” rappresenta un grosso problema per la sicurezza degli autoveicoli, testimoniato dalle relazioni dei tecnici dell’allora Provincia di Torino da almeno 20 anni a questa parte, relazioni culminate in un progetto preliminare di rifacimento datato 2007, ma mai realizzato per carenza di fondi. È fondamentale intervenire al più presto: per questo invito tutti i colleghi parlamentari a sollecitare il Governo affinché i fondi per la ristrutturazione dell'infrastruttura vengano stanziati quanto prima».

Galleria fotografica

Articoli correlati