Ancora episodi di vandalismo nei confronti dei manifesti elettorali. E sempre a Rivarolo Canavese. Questa volta nel mirino dei vandali politici sono finiti i candidati al consiglio regionale del Piemonte che fanno riferimento all'area di centrosinistra. In corso Indipendenza, vicino al Gigante, sono stati tagliati i volti dei candidati che sostengono la rielezione del presidente uscente Sergio Chiamparino.

Lavoro quasi «chirurgico» realizzato probabilmente con un taglierino. L'autore ha asportato il volto di Alberto Avetta (candidato Pd e sindaco uscente di Cossano Canavese) lasciando, in un caso, solo la bocca sorridente. Non contento ha poi tolto la faccia anche ad altri due candidati al consiglio regionale, Valentina Griglione e Remo Calcagno, entrambi della lista «Chiamparino per il Piemonte del Si», una civica a sostegno del presidente uscente. Come detto non è la prima volta che i manifesti elettorali in Rivarolo vengono vandalizzati.

Era toccato anche a Fabrizio Bertot, candidato a sindaco, a fine aprile: diversi manifesti erano stati coperti con insulti vergati vergati con una vernice nera. Il sindaco uscente, Alberto Rostagno, aveva espresso la propria solidarietà al candidato rivale bollando l'atto come «un gesto incivile e da condannare». Purtroppo l'auspicio che potesse trattarsi di un caso isolato non si è concretizzato.

Galleria fotografica

Articoli correlati