SAN MAURIZIO CANAVESE - Nuovo look, giusto in tempo per l'inizio delle lezioni, per la scuola «Remmert». Completati i lavori di riqualificazione dell'istituto. Sicurezza, scuola, giovani, sport. Questo il mix di valori e obiettivi che ha animato nell'ultimo anno un importante e complesso intervento sull'edificio della scuola secondaria inferiore «Andrea Remmert», in via Bo. Si tratta dei lavori di adeguamento sismico per rendere il plesso scolastico ancora più sicuro e perfettamente rispondente alle ultime e più rigorose normative antisismiche. Trattandosi di un'opera altamente invasiva è stata realizzata in due grandi fasi per non interferire con l'attività didattica, la prima durante le vacanze estive del 2020 e la seconda durante le vacanze appena concluse. Il rispetto rigoroso delle tempistiche per il maquillage ha consentivo così al Comune di consegnare all'Istituto Comprensivo l'edificio pronto e completamente rinnovato fin dal primo giorno di scuola.

«E' un'opera molto importante per la sicurezza dei nostri edifici scolastici – ha commentato Franco Picat Re, consigliere comunale con delega all'Edilizia Scolastica – La “Remmert” era già stata oggetto nel corso degli anni di una serie di opere per renderla sempre più funzionale ed accogliente per i nostri ragazzi. Ora l'intervento di adeguamento sismico ha aggiunto un nuovo importante tassello rendendo l'edificio ancora più sicuro». Ma non finisce qui, per il plesso della “Andrea Remmert”. Fra i valori e gli obiettivi sopra citati, accanto a sicurezza e scuola abbiamo parlato anche di giovani e sport. Infatti, parallelamente ai lavori di adeguamento sismico il Comune è anche intervenuto sulla palestra annessa alla scuola, con la demolizione dei vecchi spogliatoi e la costruzione, sul lato opposto, di un nuovo blocco di spogliatoi più capiente, funzionale e confortevole. Questo intervento consente di offrire una struttura decisamente più adeguata alle esigenze sia degli alunni della “Remmert” sia delle associazioni che la utilizzano in orario extrascolastico. «Anche questa è un'opera particolarmente significativa, perché interessa sia la scuola sia le associazioni sportive – spiega Antonio Zappalà, consigliere comunale delegato allo Sport – Oltre che dagli alunni per le lezioni di educazione fisica, infatti, la palestra della “Remmert” è utilizzata anche da numerosi sodalizi sportivi locali per i propri allenamenti. I nuovi spogliatoi garantiranno a tutti gli utenti più comfort e funzionalità».

Anche in questo caso i lavori sono terminati. Il nuovo blocco comprende spogliatoi maschili e femminili, spogliatoi per insegnanti e allenatori, servizi igienici, docce, infermeria e locali di sgombero. In questi giorni i decoratori stanno ultimando la tinteggiatura interna della palestra e poi, dopo le operazioni di pulizia generale, l'intero complesso sportivo sarà pronto all'uso. Adeguata sistemazione è stata data anche all'area esterna, che sarà in parte seminata a prato e che è stata rifinita nel modo ideale per inserirsi armoniosamente nell'architettura dello storico plesso scolastico.
👉 Un'opera – quella complessiva sulla “Andrea Remmert” tra adeguamento sismico e nuovi spogliatoi della palestra – particolarmente impegnativa anche dal punto di vista economico, dal momento che ha comportato un investimento di circa 755mila euro. Buona parte di questa cifra, circa 510mila euro, è però stata coperta dal contributo che a suo tempo il Comune aveva richiesto e ottenuto dalla Regione Piemonte nell'ambito della programmazione regionale per l’assegnazione di contributi di edilizia scolastica.

Nel frattempo, dalla «Remmert» l'attenzione dell'Amministrazione comunale si è già spostata all'edificio della scuola primaria “Fratelli Pagliero” di via Madonna della Neve. Anche in questo caso si tratta di un'importante opera di adeguamento sismico. La “Fratelli Pagliero” è una struttura ancora “giovane” e in eccellenti condizioni statiche e funzionali, ma ugualmente non rispondente alle ultime norme antisismiche poiché costruita prima della loro emissione. Anche in questo caso un'adeguata programmazione negli ultimi anni ha indotto l'Amministrazione comunale a mettere l'opera nel mirino, consentendo così, alla prima occasione, di richiedere prontamente e di ottenere un contributo regionale di 945mila euro a copertura dell'intervento. Una prima parte di lavori è stata svolta durante le ultime vacanze scolastiche estive, sempre per non interferire con l'attività didattica, e si è conclusa in tempo per accogliere i bambini all'inizio del nuovo anno scolastico. Ora, come per la «Andrea Remmert», spazio alle lezioni e poi, nelle vacanze estive 2022, il completamento dell'intervento.

Galleria fotografica

Articoli correlati