Questa settimana il centro di distribuzione di Amazon a Torrazza Piemonte ha ospitato oltre 130 ragazzi di età compresa tra 11 e 18 anni in affido a comunità o case famiglia locali. Lunedì scorso infatti, l’azienda ha dato il via all’iniziativa Christmas Stem Camp, laboratori di coding e programmazione a tema natalizio. È il secondo progetto di questo tipo realizzato presso il sito di Torrazza Piemonte, dopo i laboratori Stem realizzati nel magazzino piemontese nell’ambito dell’iniziativa AmazonLab.

I ragazzi coinvolti nei laboratori sono attualmente affidati a diverse comunità e case famiglia del territorio di Torrazza e dei comuni limitrofi: Comunità Alloggio Alfa Apodis, Comunità Alloggio Stella Polare, Comunità Giulia, Comunità educativa residenziale La Tenda, Comunità educativa residenziale Casa Base Chieri, Comunità educativa residenziale Cascina La Luna, Comunità educativa residenziale Trieste, Comunità educativa residenziale Leonardo, Centro educativo diurno Lo Spazio, Comunità La Carabattola, Centro educativo per minori Casa Benefica, Comunità Alloggio Crescere Insieme, Comunità educativa residenziale Kiki; Centro diurno Rafiki.

Nel corso della settimana, il sito Amazon di Torrazza Piemonte, il secondo dotato di tecnologia Amazon Robotics aperto dall’azienda in Italia, ha ospitato un centinaio di ragazzi accompagnati da trentacinque educatori in totale. Nella prima parte della mattina tutti i partecipanti hanno effettuato una visita guidata alla scoperta del magazzino e delle tecnologie impiegate dai dipendenti nello svolgimento delle varie mansioni: ricevimento, stoccaggio, raccolta, impacchettamento e spedizione degli articoli ordinati dai clienti su Amazon.it.

Successivamente, ragazzi ed educatori sono stati coinvolti in un laboratorio incentrato sull’utilizzo di mBot, un robot su due ruote pensato per avvicinare al mondo della robotica anche chi non ha familiarità con i linguaggi e le nozioni di programmazione. Divisi in piccoli team in base all’età, i partecipanti si sono divertiti a programmare mBot affinché percepisse lo spazio, elaborasse informazioni e scegliesse come comportarsi in autonomia e sicurezza in un determinato ambiente. Immaginando che fosse la notte di Natale, i partecipanti hanno programmato mBot per farlo muovere su traiettorie da loro inventate da percorrere per portare doni, senza limiti alla creatività e all’immaginazione. I ragazzi hanno inoltre personalizzato mBot con lego e altri materiali, trasformandolo in una originalissima “slitta dei sogni”, programmata per esaudire tutti i sogni, anche quelli più irrealizzabili.

Queste iniziative rientrano nell’impegno assunto da Amazon a livello globale per promuovere la Steam education, organizzando presso le proprie sedi in tutto il mondo iniziative di formazione e laboratori che favoriscono lo sviluppo di soft skills e la capacità di individuare soluzioni ai problemi, attraverso programmi di apprendimento che integrano Scienza, Tecnologia, Ingegneria, Arti e Matematica.

Galleria fotografica

Articoli correlati