A causa dell'emergenza coronavirus e dalle regole che impongono di rimanere in casa senza poter uscire per passeggiate o svago, moltissimi italiani stanno riscoprendo il gusto di giocare in famiglia. A cosa? A carte, naturalmente. E allora tra i giochi di carte che stanno andando per la maggiore c'è il mitico "Uno". Un gioco che ormai fa parte dell'immaginario collettivo e che non conosce crisi.
 
UNO è diventato un gioco cult a livello mondiale per la concentrazione di divertimento contenuta in un solo mazzo di carte. UNO è semplice da imparare e ti fa non volere smettere di giocare. Dai 7 anni in su, per tutte le età, nazionalità, interessi e chi più ne ha, UNO ne metta. Per 2-10 giocatori. Non c’è età, regione, nazionalità, interessi che tengano: dall’anno della sua nascita UNO è un gioco amato da tanti. Cento dodici carte per gioire, esultare, arrabbiarsi e ed emozionarsi insieme alla famiglia o agli amici, dopo la scuola o il sabato sera, sul treno o sul divano, in spiaggia o sulla neve, con chi, quando e dove vuoi tu. La giocata più temuta è il cattivo +4. 
 
Attenzione: può creare dipendenza. UNO in queste settimane è tornato in testa alle classifiche di vendita. Anche per il costo: nemmeno 10 euro (CLICCA QUI PER VEDERE L'OFFERTA).

Galleria fotografica

Articoli correlati