CANAVESE - «Inaccettabile che il Piano di conservazione e gestione del lupo sia fermo in Commissione Stato-Regioni dal maggio 2019. E' arrivata l'ora di passare ai fatti». Lo dichiara il Gruppo Lega Salvini Piemonte al termine della Commissione sull’ambiente riunitasi per affrontare, tra l'altro, anche l'annoso problema delle predazioni.

«Lo scorso mese di gennaio - afferma il Presidente Gruppo Lega Salvini Piemonte, Alberto Preioni - l’escalation del problema era stata portata dal nostro assessore Carosso sui tavoli del ministro Costa e di tutti i prefetti piemontesi. Oggi dobbiamo fare ulteriori passi avanti. Stiamo lavorando a un sistema di indennizzi più celere e semplice. Ma non soltanto. Le predazioni e la presenza dei lupi sta, infatti, mettendo in ginocchio il lavoro degli allevatori delle Alpi. E' nostra intenzione migliorare il censimento grazie a squadre miste di intervento sul campo, formate da veterinari, forestali, guardiaparco e altre figure, il tutto appoggiandoci ai Comprensori Alpini, perché gli attuali sistemi vanno implementati. Gli sforzi degli uomini della polizia provinciale devono trovare un valido sostegno, destinando ulteriore personale al fine di ottenere censimenti sempre più efficaci. L'attuale avvistamento di un animale fornisce informazioni precarie per la ricerca di un lupo in dispersione».

«Le popolazioni alpine dei canidi - fa eco il presidente della I commissione Angelo Dago - sono abbondantemente sottostimate, dobbiamo fare in modo che l’operato dei pastori e degli allevatori piemontesi non sia quotidianamente messo a rischio. Ci muoveremo perché il Governo fornisca tutti gli strumenti utili a prevenire questa espansione ormai incompatibile con la capacità di carico dei territori colonizzati».

Galleria fotografica

Articoli correlati