Nella serata del 18 giugno in una piccola e tranquilla derivazione del Po a Chivasso sono state liberate alcune anatre selvatiche. Per la precisione si tratta di Germani reali che erano stati consegnati al CANC, il Centro animali non convenzionali della Facoltà di Medicina Veterinariadell’Università di Torino, che collabora in convenzione con la Funzione specializzata Tutela Fauna e Flora della Città Metropolitana di Torino. I veterinari del CANC hanno visitato gli anatidi.

I più piccoli con la madre sono stati immediatamente liberati dagli agenti faunistico-ambientali della Città Metropolitana, mentre per quelli più grandi la liberazione è avvenuta dopo un periodo di stabulazione di circa un mese, per consentire loro di condurre una vita autonoma nell’ambiente naturale.

Barbara Azzarà, Consigliera metropolitana delegata all’ambiente e alla tutela della fauna e della flora, sottolinea che “i giovani animali, sia mammiferi che uccelli, non vanno mai separati dai genitori, in quanto sono gli unici che possono garantire uno sviluppo psicofisico idoneo alla vita selvatica che dovranno affrontare. Devono essere prelevati e consegnati al CANC solo ed esclusivamente dopo aver consultato telefonicamente un esperto che valuta la situazione”. I numeri della Città metropolitana che possono essere contattati sono lo 011-8616987 o il 349-4163347.

Galleria fotografica

Articoli correlati