IVREA - Nei giorni scorsi alla Camera è stato approvato un ordine del giorno a firma della deputata del Pd Patrizia Prestipino, che vieta l’utilizzo di animali per mezzi di trasporto su tutto il territorio nazionale. In teoria andando a comprendere anche rievocazioni storiche e carnevali. In tal caso potrebbe finire nel mirino del divieto anche il carnevale di Ivrea benchè l'ordine del giorno approvato lo scorso 4 agosto riguardi soprattutto l'utilizzo di animali per la trazione di veicoli adibiti ai servizi di piazza e per i servizi pubblici non di linea, finalizzati al trasporto di persone a fini turistici e ludici. 

Con particolare riferimento alle famose botticelle romane. L'impegno del Governo sarebbe quello di prevedere divieti e sanzioni. Circostanza ipotetica, ovviamente, perchè l'ordine del giorno non è una legge e l'attuale Parlamento è ormai alle battute finali. 

Il deputato eporediese Alessandro Giglio Vigna, insieme a tutta la Lega, ha votato contro la proposta. "Questa proposta va a colpire anche il nostro Carnevale - spiega - che è il più importante evento del Canavese. Uno spettacolo che richiama turisti e appassionati da ogni luogo. I cavalli che trainano i carri vengono preparati e addestrati per mesi per far sì che, durante la manifestazione, non si scompongano e non abbiano da risentirne. Tra le regole intoccabili della Battaglia delle Arance, vi è il dogma che agli aranceri è assolutamente vietato bersagliare direttamente i cavalli, il rispetto per questi è quasi sacrale. Nel corso della manifestazione, inoltre, sono presenti medici veterinari responsabili della tutela del benessere animale".

Giglio Vigna conferma che a camere sciole, "il valore di questo ordine del giorno è nullo e non avrà quindi nessun effetto: potremmo quindi definire tutta la discussione come una gran perdita di tempo per il Parlamento. Vigileremo anche in futuro in tutte le sedi e non consentiremo attacchi alle nostre tradizioni e in particolare al nostro carnevale".

Galleria fotografica

Articoli correlati