LUSIGLIE' - Negli ultimi tempi sono sorte lamentele da parte di alcuni residenti per quanto riguarda l'eccessiva rumorosità di alcuni spari provenienti da armi anti-cinghiali, e il comune di Feletto, dopo aver interpellato l'Arpa per alcuni rilievi fonometrici, ha dedotto che il rumore superava effettivamente la soglia prestabilita dalla legge durante le ore notturne, non potendo tuttavia procedere a sanzionare i responsabili non essendo stati questi ultimi identificati.

Perciò l'Arpa consiglia ai comuni di Feletto e Lusiglié di verificare il rispetto di alcune norme da parte degli agricoltori che fanno uso di armi al fine di cacciare i cinghiali, come ad esempio la posizione dalla quale si spara, la distanza da tale punto alle abitazioni, gli intervalli minimi di tempo che devono essere rispettati tra uno sparo ed il successivo e la fascia oraria nella quale queste operazioni di dissuasione possono essere svolte. 

E' stata avvisata anche la Città metropolitana, invitando l'aumento della sorveglianza nei comuni interessati, poiché nonostante l'utilizzo di queste armi sia lecito, i limiti imposti dalla legge esistono e a Lusiglié non sarebbero stati rispettati.

Galleria fotografica

Articoli correlati