Il Canc, il Centro Animali Non Convenzionali di Torino, ha salvato ieri un Ibis Sacro nelle campagne di Ozegna. Su segnalazione di alcuni residenti della zona gli operatori del Canc sono intervenuti recuperando il bellissimo animale. L'Ibis Sacro viveva inizialmente solo in Egitto ma attualmente si è naturalizzato in diversi Paesi europei, Italia compresa. La specie è rapida in espansione e viene considerata «specie esotica invasiva». Il pennuto recuperato a Ozegna era dotato del chip identificativo. Dopo la segnalazione del Canc i proprietari hanno contattato il Centro Animali Non Convenzionali per la successiva riconsegna. Lieto fine.
 
Il Canc cura il servizio di recupero della fauna selvatica classificata come pericolosa, degli ungulati, dei carnivori, dei rapaci diurni e notturni e dei serpenti feriti. Opera, grazie ad una convenzione, per conto della Città Metropolitana di Torino che, ogni anno, registra interventi su oltre tremila animali selvatici rinvenuti in difficoltà e recuperati da privati cittadini o da agenti faunistico ambientali. Il servizio è attivo h24 con una chiamata alla linea telefonica 349-4163385.
 
Il primo intervento in convenzione, sabato scorso, è arrivato proprio in Canavese con il salvataggio di una volpe ferita (link sotto).

Galleria fotografica

Articoli correlati