Il Parco nazionale del Gran Paradiso continua a seguire con una sorta di «Grande Fratello» la crescita del piccolo Avrì, il piccolo Gipeto nato a marzo proprio sotto gli occhi delle webcam del corpo di sorveglianza. Nell'ultimo episodio, tra il primo e il 9 maggio, le immagini confermano che è iniziata la crescita delle penne di Avrì che è stato lasciato solo per una notte intera. Il suo piumino però non gli consente ancora di affrontare temperature rigide e i genitori continuano a proteggerlo, come nella notte del 9 maggio in cui si è verificata una tormenta di neve..

Il gipeto è uno degli avvoltoi europei di maggiori dimensioni, tornato recentemente a nidificare nel Parco, dopo essere stato reintrodotto sulle Alpi negli anni ’80 a seguito dell’estinzione avvenuta agli inizi del ‘900. Sulle Alpi italiane vi sono attualmente solo 15 coppie nidificanti, un terzo di queste nell’area del Gran Paradiso, le valli di Cogne, Valsavarenche e Rhêmes ospitano ognuna una coppia. La tutela della loro riproduzione costituisce un importante obiettivo conservazionistico per l’Ente Parco.

Il nido della Valsavarenche è ripreso da una webcam, installata dai guardaparco nell'ambito di un progetto di monitoraggio sulla specie in collaborazione con Federparchi, grazie a questo strumento è possibile seguire l'intero processo di riproduzione, dalla costruzione del nido, alla deposizione dell'uovo, alla schiusa e alla crescita del piccolo gipeto Avrì.

Galleria fotografica

Articoli correlati