Sfratto rinviato al 14 dicembre. Grazia De Palma ha ottenuto ancora un po’ di tempo dalle istituzioni per lasciare la casa di frazione Bausano che da una ventina di anni utilizza come canile rifugio. Al momento sono quattordici i cani che accudisce, molti di questi malati o sfuggiti a destini già segnati. Nonostante tutto è arrivato lo sfratto a fronte di numerose inadempienze con il pagamento degli affitti. Sfratto che era inizialmente previsto per lo scorso 26 ottobre. Poi, vista la situazione, gli ufficiali giudiziari hanno concesso alla donna ancora un po’ di tempo, anche in virtù del fatto che le temperature cominciano a scendere e serve una sistemazione alternativa. Per i cani, ovviamente, ma anche per lei.

L’ideale sarebbe trovare una soluzione alternativa per entrambi, in modo da spostare insieme cani e padrona. All'ingresso della casa di Bausano è stato anche affisso un cartello che annuncia l'addio forzato. “Questo è un rifugio che ho sempre gestito in forma volontaria – racconta la De Palma – senza sovvenzioni di nessun genere. C’è chi ne parla male e chi non mi vede di buon occhio ma io ho sempre sacrificato tutto per i cani, ho lavorato per loro e per garantirgli un’esistenza dignitosa”. Anche a quelli malati, ai trovatelli o a quelli salvati da morte certa su negli alpeggi. Non resta che sperare nell’aiuto di qualche benefattore (info al numero 333/4654788).

Grazia De Palma non vuole lasciare i suoi cani che, oltretutto, rischiano di essere divisi. Nessuna struttura nella zona, infatti, può prendersi in carico un numero così elevato di animali. I volontari del canile di Caluso in questi giorni stanno facendo tutto il possibile per aiutare la donna a trovare una soluzione positiva. 

Galleria fotografica

Articoli correlati