RIVAROLO CANAVESE - Ordinanza del sindaco Alberto Rostagno: niente botti a capodanno. «Esiste un oggettivo pericolo, anche per i petardi dei quali è ammessa la vendita al pubblico, che in quanto tali, sono comunque in grado di provocare danni fisici, anche di rilevante entità, sia a chi li maneggia, sia a chi venisse fortuitamente colpito - segnala il sindaco nell'ordinanza - serie conseguenze negative si possono determinare anche a carico degli animali domestici nonché alla fauna selvatica e vi è la necessità di limitare comunque il più possibile, rumori molesti nell’ambito urbano in tutte le vie e piazze ove si trovino delle persone, e in particolare in prossimità di scuole, uffici pubblici, luoghi di culto, luoghi di cura».

Da qui la decisione di procedere con l'ordinanza che dispone «il divieto di utilizzare petardi, botti e artifici pirotecnici di ogni genere nell’ambito urbano, nelle vie e piazze ove si trovino raggruppamenti di persone, e in particolare in prossimità di scuole, uffici pubblici, luoghi di culto, case di riposo, dal 30/12/2021 al 02/01/2022, ai fini della tutela dell’incolumità pubblica intesa come integrità fisica della popolazione, nonché per la sicurezza urbana ai fini del rispetto delle norme che regolano la convivenza civile, per la protezione del patrimonio pubblico e degli animali». 

L’inosservanza delle disposizioni del provvedimento è punita con una sanzione amministrativa da 25 a 500 euro, fatto salvo la denuncia all'Autorità Giudiziaria, nei casi in cui il fatto assume rilevanza penale. Le Forze dell’Ordine e la Polizia Municipale sono incaricate dell’esecuzione dell'ordinanza.

Galleria fotografica

Articoli correlati