Chiusi dentro una scatola di scarpe, sigillata con del nastro isolante nero. Non potevano uscire e sarebbero sicuramente morti soffocati i sette gattini di poche settimane ritrovati ieri, lunedì 3 settembre, di fronte all'ingresso di Villa Vallero, lato corso Indipendenza. Se ne stanno prendendo cura, non senza difficoltà, i volontari de I gatti delle Vibrisse Onlus di Rivarolo Canavese. «Sono stati fortunati ad essere stati trovati perché quel nastro nero che li chiudeva senza possibilità di respirare li avrebbe nel giro di poco tempo portati tutti alla morte».

Se qualcuno avesse visto l'autore del vergognoso gesto può contattare direttamente i volontari anche attraverso la pagina Facebook dell'associazione. «I piccoli sono stati portati immediatamente in ambulatorio veterinario da una volontaria per essere visitati. Non mangiano ancora da soli. Chiunque abbia fatto questo gesto, per favore sterilizzi la mamma gatta al più presto».

Se qualcuno volesse aiutare con qualche donazione o con del cibo in questo momento al gattile di villa Vallero a Rivarolo c'è bisogno di latte in polvere per i vari cuccioli in allattamento e di cibo secco ed umido gastro intestinal per curare la marea di cuccioli attualmente in carico affetti da parassiti vari. «Siamo disperati: con questi ultimi sette, sfioriamo quota 40 cuccioli in carico. Ogni piccolo aiuto per noi è un grande aiuto».

Galleria fotografica

Articoli correlati