Deiezioni canine sui marciapiedi: un problema comune a molti centro del Canavese. A Rivarolo è in atto una protesta dei residenti e commercianti del centro storico. Tanto che sui muri di alcune abitazioni sono già comparsi nuovi cartelli che invitano i proprietari dei quattro zampe ad un gesto di civiltà. «Alcuni padroni di cani hanno bisogno di educazione e di molta civiltà». E' il testo comparso in alcuni cartelli che i residenti del centro storico hanno affisso nei giorni scorsi per protestare contro l'aumento indiscriminato delle deiezioni canine sui marciapiedi. Deiezioni puntualmente non raccolte dai proprietari.

Anche i commercianti di via Ivrea, spesso alle prese con i ricordini lasciati dai cani e, soprattutto, dai padroni distratti, hanno chiesto maggiori controlli e un briciolo di senso civico in più. Erano stati proprio alcuni negozianti, pochi mesi fa, a piazzare i primi cartelli contro l'inciviltà altrui. Purtroppo non è bastato. Allora il Comune si fece promotore di un'ordinanza con multe fino a 500 euro per i padroni dei cani sorpresi a non raccogliere le deiezioni sui marciapiedi o contro i muri delle case.

Purtroppo non è semplice "sorprendere" i padroni sporcaccioni. E la polizia municipale, con l'organico non certo infinito, trova molto complicato intervenire con efficacia per risolvere il problema. Sono purtroppo moltissimi i proprietari di cani che si fanno benne dell'ordinanza sindacale. Chissà se i cartelli con l'invito ad un maggiore senso civico otterranno qualche effetto. Ne va soprattutto del decoro della città.

Galleria fotografica

Articoli correlati