Si continua a discutere, in quel di Castellamonte, del campo da baseball dopo l'annullamento, in autotutela, del precedente affidamento attuato dalla vecchia amministrazione comunale. L'attuale squadra di governo del sindaco Pasquale Mazza assicura che nel campo da baseball ci sarà spazio per tutti, dal momento che sono due le società che si contendono l'utilizzo della struttura sportiva.

«La deliberazione 32/2017 risulta illegittima in quanto il campo da baseball è stato concesso in locazione in via diretta, in violazione dei principi di tutela della concorrenza, parità di trattamento, economicità, efficacia, imparzialità, trasparenza, proporzionalità e pubblicità - spiega il consigliere delegato allo sport, Alberto Pautasso - l'annullamento in auto tutela deriva da una richiesta agli atti e verifica di legittimità dell'affidamento al quale è seguito incarico ad avvocato amministrativista che ha espresso parere in tal senso. L’azione posta in essere dall’amministrazione è, come già espresso, un atto dovuto ai cittadini di Castellamonte in quanto garante dei principi di legittimità e legalità».

Sui social (e non solo) sulla possibilità di favorire una delle due società che si contendono il campo: i Red Clay (che avevano in gestione l'impianto) e gli Old Kings. I primi si occupano di settore giovanile. I secondi no. «Teniamo a sottolineare per l’ennesima volta che verrà garantito l’utilizzo del campo comunale di baseball alle società di Castellamonte che praticano baseball o softball siano esse composte da giovani (e ben venga perché sono il nostro futuro) o da meno giovani in quanto nello sport nessuno deve essere ghettizzato - dice Pautasso - è nostro impegno consentire l’accesso allo sport ed in particolare l’accesso alle strutture sportive comunali ad un numero più elevato rispetto l’attuale. Stiano pur tranquilli i giovani tesserati presso la società Red Clay in quanto continueranno ad allenarsi e disputare le partite come hanno fatto sino ad ora: nessuno li manderà mai via».

Il nuovo affidamento sarà disposto a breve: «Questo è un segno concreto quanto l’attuale Amministrazione veda lo sport come grande ed indispensabile veicolo di partecipazione ed aggregazione e quanto soprattutto tenga alla legittimità e legalità negli affidamenti delle strutture pubbliche, alla trasparenza dell’operato senza favori alcuni e senza pensare ai voti delle prossime elezioni».

Galleria fotografica

Articoli correlati