CHIVASSO - Il campione mondiale di MotoGP in carica, Francesco «Pecco» Bagnaia, classe 1997, è il primo pilota italiano a conquistare il titolo iridato dal 2009, nonché il primo negli ultimi 50 anni a vincere il campionato con una moto italiana, la Ducati, che guida dal 2021. Lo scorso 14 gennaio Pecco ha compiuto 26 anni e il giorno dopo, domenica 15 gennaio 2023, li ha festeggiati in diretta tv, ospite di Fabio Fazio nella prima puntata 2023 di «Che tempo che fa». L’intervista si è aperta proprio con il racconto del compleanno di Pecco: «La sera precedente al mio compleanno la mia fidanzata mi ha organizzato una cena a sorpresa con tutti gli altri piloti, mentre ieri sera ho festeggiato con i miei amici storici a Chivasso, nel solito ristorante».

Bagnaia è stato accompagnato in studio dalla sorella Carola, dalla mamma e dalla fidanzata Domizia, a cui ha chiesto di sposarlo la vigilia di Natale: «Siamo ancora in fase di organizzazione» ha risposto Domizia alla domanda di Fazio sulla data del matrimonio, poi Pecco ha aggiunto: «Vorremo fato fuori dalla stagione, ma a luglio non possiamo farlo perché si sposa Luca Marini ed è comunque troppo vicino. Ma non vorremmo farlo neanche in inverno. Vedremo».

Prima di un video celebrativo sulla sua carriera, il giovane pilota h aricevuto una video-sorpresa di Valentino Rossi, da Dubai: «Divertiti stasera in trasmissione, Fabio fagli tante domande, Pecco è il primo campione del mondo della MotoGP che viene dall’Academy». «È vero che hai chiesto a Valentino di seguirti come coach?» gli h achiesto Fazio. «Sì, ma so che per lui è difficile riuscire a far conciliare tutto, tra le gare in macchina, la bambina... - la risposta di Bagnaia - però in ogni gara della seconda parte di stagione ci siamo sentiti al telefono durante l’estate. Mi ha insegnato a rimanere calmo, a godere di ogni momento e festeggiare quando era il momento. La tranquillità e la modestia sono le sue qualità principali». Valentino Rossi, h aconfessato il centauro chivassese, è stato il suo idolo fin da bambino, fin da quando è nata la sua passione anche grazie alla sua famiglia: «Mio zio e mio papà giravano spesso in moto ma in modo amatoriale. La prima moto me l'ha regalata il nonno materno, aveva 3 ruote, poi a 5 anni mi ha regalato una minimoto da cross. Ci giravo nel giardino del nonno e cercavo di toccare il ginocchio per terra: lì hanno capito che era meglio la velocità». Qualche anno dopo è salito in sella alla sua Ducati: «Quando firmai il contratto sapevo che saremmo arrivati a un grande risultato», ha dichiarato Pecco.

Bagnaia ha vinto il titolo con il numero 63, ma non esclude di attaccare sulla moto del prossimo anno il numero 1 riservato ai campioni del mondo: «Nell’ultimo periodo ho cambiato idea tante volte, quindi ho deciso che martedì durante la sessione fotografica con la nuova moto arriverò con tutte e due i numeri e attaccherò quello che mi sentirò in quel momento. Per adesso non so ancora quale sceglierò tra il numero 1 da campione del mondo e il mio numero 63».

L’intervista si è conclusa con l’arrivo in studio della GP22, la moto della vittoria, portata dal capomeccanico Marco Ventura e da conduttrice televisiva Simona Ventura, una delle migliori amiche di infanzia e dell'adolescenza della madre di Pecco. (Beatrice Strazzullo)

Galleria fotografica

Articoli correlati