SAN FRANCESCO AL CAMPO -  È dal tre all'otto settembre il periodo proposto all'UCI dal Velodromo Francone per poter disputare la «Sei Giorni di Torino 2020» e la «Turin International Track» a San Francesco al Campo, inizialmente in calendario per la prima settimana di luglio e poi rinviate a causa della pandemia. Questa la richiesta formalizzata da Claudio Santi, direttore della Sei Giorni di Torino, in accordo con Giacomino Martinetto, presidente del Velodromo Francone, dopo giorni di confronto con la stessa UCI e con FCI, sulla base delle cui indicazioni si è deciso di individuare una nuova data per lo svolgimento della manifestazione, in attesa degli sviluppi dell'emergenza Covid-19.

Restano infatti predominanti e indiscutibili – non solo nelle disposizioni degli organi di governo del ciclismo nazionale e internazionale ma anche nelle intenzioni e nell'operatività del Velodromo Francone – la sicurezza e la salute degli atleti, di tutti gli operatori coinvolti e naturalmente dell'eventuale pubblico. Gli eventi in programma dovranno costituire, come sempre, un'importante opportunità di confronto fra gli atleti coinvolti e di divertimento per tutti gli appassionati di ciclismo. 

Saranno dunque confermati o ulteriormente rinviati accettando con doveroso senso di responsabilità e con la massima collaborazione le disposizioni governative che regoleranno, fra le altre cose, le attività sportive nel prossimo futuro e le conseguenti decisioni della Federazione Ciclistica Italiana e dell'Unione Ciclistica Internazionale.

Dovrebbe incominciare alla metà del mese di giugno l'attività del Centro di Avviamento alla Pista di San Francesco al Campo. La data e le modalità dipenderanno naturalmente dalle disposizioni governative e regionali. «Alla luce delle indicazioni attuali, comunque, possiamo prevedere che la stagione formativa e agonistica del Velodromo Francone – il cui inizio era in programma per il 1° aprile, prima che la pandemia bloccasse tutto – potrà partire entro l'inizio dell'estate», fanno sapere da San Francesco al Campo. «Nei prossimi giorni, mentre si susseguono le riunioni in videoconferenza con gli organismi federali e quando la Federazione avrà perfezionato le direttive definitive, riprogrammeremo tutte modalità di svolgimento dell'attività del Centro Pista nel rispetto dei nuovi protocolli, che naturalmente dovranno tenere conto del particolare momento. Non appena avremo la completa chiarezza della situazione, organizzeremo una videoconferenza insieme a tutte le Società Ciclistiche del Piemonte e al Comitato Regionale FCI per condividere programmi, attività ed esigenze». 

Della nuova programmazione, naturalmente, saranno informate anche tutte le altre categorie di atleti coinvolte nell'attività del Velodromo Francone, dagli Amatori ai Paralimpici.

Galleria fotografica

Articoli correlati