FORNO CANAVESE - Non si ferma più la corsa  del canavesano Gabriele Priante. Il pilota originario di Forno Canavese, affiancato dall’esperto navigatore, Alberto Eriglio, ha dato spettacolo lo scorso week-end al 28esimo Rally del Rubinetto. Nello storico tracciato novarese, l’affiatato equipaggio, dopo i successi al Lana e l’ottima performance al Rally di Torino, ha messo «nel motore» altra esperienza e in bacheca il primo posto nella classe Rstb 1.6 e il secondo in quella Racing Start. I risultati da standing ovation valgono a Priante ed Eriglio la conquista della Coppa Rally Zona 1, che ricomprende team di Piemonte, Valle D’Aosta e Liguria, e la conseguente qualificazione per le finali nazionali del campionato italiano rally che si terranno a Modena a fine mese.

Gabriele Priante, al volante della sua velocissima Mini Cooper S, è partito da piazza 1° Maggio a San Maurizio d’Opaglio nella serata di sabato. Dopo la passerella inaugurale, lui ed Eriglio sono stati chiamati alla sfida già a partire dalle prime ore di domenica mattina con il Mottarone (10,10 km), la Prelo con la sua celebre strettoia (7,20 km) e la veloce Colma (km 9,10). Acceleratore a tavoletta e curve pennellate dall’emergente pilota fornese anche nelle «speciali» prima del suggestivo arrivo finale nel centro di Borgosesia, in piazza Mazzini.

«E’ stata una gara molto difficile – racconta Gabriele – Abbiamo testato la macchina e noi stessi sul bagnato. Torniamo dal Rally del Rubinetto con tanta esperienza in più, in vista delle finali nazionali del 30 e 31 a Modena. Abbiamo superato mille ostacoli nel novarese: ritardi, prove annullate e macchine incidentate incontrate lungo il percorso. L’ultima prova l’abbiamo praticamente corsa al buio per un problema alla fanaliera, che ci è costato il primo posto nella Racing start. Siamo soddisfatti di quanto fatto in corsa e per il successo nel Campionato regionale zona 1. Ora ci prepareremo per dare, come sempre, il massimo anche a Modena».

Galleria fotografica

Articoli correlati