IVREA - Pioggia di medaglie d’oro per una campionessa straordinaria come Alessia Refolo. L’atleta non vedente, originaria di Ivrea, domenica 11 luglio ha festeggiato nel migliore dei modi possibili il suo 31esimo compleanno. In  Toscana, la portacolori del team Anmil Sport Italia ha vinto il campionato italiano su strada di paraciclismo nella categoria tandem, in coppia con Giorgia Bonetti, 20 anni di Mestrino cittadina in provincia di Padova. Tra le due sportive è nata subito un’intesa perfetta che le ha portate sul gradino più alto del podio al termine di una gara esaltante e ricca di emozioni.

«Era un appuntamento imperdibile per me e Giorgia che ci eravamo aggiudicate il primo posto esattamente tre mesi fa nella specialità linea – ha raccontato sul suo blog www.alessiarefolo.com -  La cronometro è una corsa contro il tempo a tutti gli effetti e si vince in genere sulla base di appena una manciata di secondi, tanto che non si ha neppure il tempo per bere. “devo solo pedalare e lo so fare bene”, mi sono detta mentre scambiavo l’ultima stretta di mano con Giorgia e via. Iniziando a pedalare mi sono lasciata avvolgere dalla ben conosciuta bolla nella quale a testa bassa controllavo il respiro e la costante spinta delle gambe, contavo a ogni giro dossi, avvallamenti, curve e rettilinei che avevo memorizzato, ascoltavo i versi delle cicale, il rumore delle moto dei giudici che ci affiancavano, le voci di incitamento che nonostante la stanchezza crescente, riuscivano ad aumentare la mia spinta sui pedali. C’è sintonia con Giorgia e ci bastano ogni volta poche parole chiave per capirci ed incoraggiarci, finché stremate, all’arrivo ci hanno comunicato che eravamo ancora una volta campionesse, avendo vinto su addirittura un minuto circa dalla seconda e di due minuti circa dalla terza, in un totale di 42 minuti alla media dei 39 km orari nei 26 km percorsi. Numeri pazzeschi che mi rendono fiera del lavoro che sto facendo sotto la guida di Giorgia, in soli otto mesi che sono in sella al nostro tandem fuxia e nero. Questo oro è stato il più bel regalo che potessi ricevere per il mio compleanno e mi ripaga anche dei tanti sacrifici fatti nei mesi scorsi, nella consapevolezza che non sono sola e se la mia carriera sportiva si sviluppa sempre più, è in gran parte anche merito del team “se vuoi, puoi” che mi circonda sostenendomi sempre».

Alessia Refolo ha, così, concesso il tris tricolore. Il 4 luglio scorso, a Concesio, in provincia di Brescia, è diventata campionessa italiana nei 400 metri categoria T11 - non vedenti assoluti. Il titolo è arrivato gareggiando insieme all’amico e preparatore atletico Patrizio Andreoli. Un successo che certifica il talento polivalente dell’atleta eporediese che nel suo palmares può vantare pure il titolo di campionessa mondiale paralimpica di arrampicata sportiva, conquistato nel 2014 in Spagna, e l’oro nello sci nautico al Campionato Europeo paralimpico (slalom) a Roque-Brune – Francia del 2018. (foto da www.alessiarefolo.com).

 

Galleria fotografica

Articoli correlati