E' morta ad appena 38 anni dopo una lunga battaglia conto un male incurabile. La pallavolo piemontese piange la scomparsa di Tullia Strazzeri, classe 1980, ex giocatrice di volley che ha legato il suo nome, soprattutto, al Canavese Volley, squadra con la quale conquistò anche la promozione in Serie B2 nel 2012-13.

E' stata proprio la società sportiva canavesana, ieri, a dare notizia della morte della ragazza con un post sui canali social accompagnato da questa foto in bianco e nero di quando Tullia vestiva la maglia della società eporediese. «Non ci resta che giocare col lutto. Non ci resta che chiedere il minuto di silenzio. Quando le più piccoline ci chiederanno il motivo risponderemo che se n’é andata una Guerriera. Che l’ha giocata fino all’ultimo set. Che l’ha portata ad un tiratissimo tie-break. Ciao TUTU».

Ex schiacciatrice, Tullia Strazzeri aveva giocato anche nel Calton Volley e si era messa in luce, successivamente, come giocatrice di beach volley. Nel 2013 era poi entrata a far parte dello staff tecnico del Labor Volley. Tantissimi i messaggi di cordoglio che in queste ore sono giunti alla famiglia dell'ex pallavolista. In particolare al marito Corrado, alla mamma Maria e alle sorelle Melissa e Renata.

L'ultimo saluto a Tullia oggi pomeriggio, 15 gennaio, nella chiesa parrocchiale di San Giacomo a Rivarolo Canavese.

Galleria fotografica

Articoli correlati