Rissa in campo, l'arbitro sospende la partita di calcio giovanile. E ora deciderà il giudice sportivo le sorti del match e dei tesserati di Ivrea Banchette e Borgosesia, campionato Under 17. Domenica a Ivrea scontro tra le due prime della classe, appaiate in vetta con 12 punti. Gara sentita e nervosa, 1-1 fino a cinque minuti dal termine quando scoppia un parapiglia in campo. Basta un fallo di troppo, partono gli spintoni tra ragazzi (tutti classe 2003), insulti e zuffa. L'arbitro non se la sente di continuare. Assiste al parapiglia poi, con il triplice fischio, manda tutti negli spogliatoi con cinque minuti d'anticipo.

Formalmente la partita è stata sospesa. A questo punto potrebbe essere omologato il pareggio oppure, vista la dinamica dei fatti, ad entrambe le compagini potrebbe essere inflitta la sconfitta a tavolino. L'arbitro ha assistito alla zuffa tra i calciatori di entrambe le squadre: non sono escluse squalifiche a raffica. Le due società hanno condannato l'episodio e assicurato provvedimenti nei confronti dei giocatori tesserati protagonisti della rissa in campo. L'ultima parola spetterà al giudice sportivo, in base al referto del direttore di gara. Mercoledi arriveranno le decisioni della giustizia sportiva.

Galleria fotografica

Articoli correlati