IVREA - Un poker d’assi dello sport canavesano protagonista in Toscana. Per la prima volta nella storia del paraciclismo locale, il nostro territorio ha avuto  un suo portacolori in tutte le categorie (tandem, ciclismo, handbike e triciclo) alla gara a cronometro del Campionato Nazionale di handbike. Oltre ad Alessia Refolo che è riuscita a salire sul gradino più alto del podio, hanno partecipato all’evento di Prato, lo scorso 11 luglio, altri quattro grandi atleti come Livio Raggino, Fabrizio Topatigh, Marco Catania e Mattia Lirangi.

Nel circuito di 5,3 km, da ripetere più volte in base alle categorie, (con partenza per tutti da via Valentini fino a piazza Europa, via Firenze, viale della Repubblica, Declassata e ritorno in via Valentini) che ha visto complessivamente al via ben 120 partecipanti i nostri campionissimi hanno dato battaglia strappando applausi e complimenti. Nella categoria C2 Fabrizio Topatigh si è piazzato al sesto posto. Ad un passo dalle medaglie Livio Raggino (T2) giunto quarto all’arrivo. Ottimo sesto nella categoria H2 per il rivarolese Mattia Lirangi. Tredicesimo nella H3 Marco Catania che come Lirangi ha gareggiato per la Sportabili Alba.

Una bella soddisfazione per Livio Raggino della THT e per Fabrizio Topatigh della Active Sport La Leonessa, che mettendo sempre davanti il «noi» all’«io» in questi anni sono riusciti con impegno, passione e determinazione e con il loro esempio a dare fiducia alle nuove leve del paraciclismo canavesano. «Sono molto felice perché per la prima volta il Canavese si è espresso con i suoi atleti in tutte le specialità – ha commentato Topatigh che si sta preparando per i Campionati Italiani Paralimpici in programma al Velodromo Francone di San Francesco al Campo a settembre – In questo 2021 in cui festeggio 10 anni di attività nel paraciclismo ritengo sia un grande risultato. E’ il frutto di quanto di buono fatto finora battendoci sempre per il gruppo».

Galleria fotografica

Articoli correlati