Manca sempre meno all’inizio della fase finale della Serie C 2019/2020. Sembrava impossibile che la stagione attuale si rivelasse più problematica della precedente, segnata da fallimenti multipli e da un’ufficializzazione del calendario giunta solamente a novembre; ma la pandemia ha reso impossibile il regolare completamento del girone di ritorno.

Nel caos sportivo e amministrativo che ha seguito l’interruzione dei campionati si sono susseguite voci di addetti ai lavori e giornalisti che proponevano varie soluzioni tra cui una Serie B a due gironi o uno stop definitivo; tuttavia alla fine l’esito più probabile si è avverato, ovvero la sospensione del presente torneo riconoscendo però i risultati ottenuti finora sul campo: ovvero la promozione delle prime classificate per ogni girone, la retrocessione delle ultime ed il regolare svolgimento di playoff e playout, ovviamente a porte chiuse. La responsabilità è stata presa dal presidente della Lega Pro Ghirelli, in seguito alla decisione espressa dalla maggioranza del Consiglio Federale.

Ad essere promosse in Serie B dunque sono Monza, Vicenza e Reggina; la retrocessione è toccata rispettivamente a Gozzano, Rimini e Rieti. Le date delle gare rimanenti sono state fissate: per i playoff si giocheranno i primi due turni preliminari l’1 ed il 5 luglio, seguiti dai due turni nazionali il 9 e il 13 luglio per concludere con le semifinali e la finale il 17 ed il 22 dello stesso mese. I playout di andata e ritorno si disputeranno invece tra il 27 e il 30 giugno. Si torna dunque a parlare di calcio vero, anche senza pubblico: un’occasione per i tifosi ed appassionati non solo di gustarsi una partita in TV, ma anche di testare le proprie conoscenze e abilità nel campo delle scommesse sportive. Consultando i bonus di benvenuto per le scommesse recensiti da Sportytrader sarà possibile farsi un’idea sulle promozioni disponibili da utilizzare ad esempio sui campionati che riprendono. Sono da tenere presenti a questo proposito alcuni fattori che prima non erano presenti, come la scomparsa del fattore campo (le sfide saranno in gara unica e a porte chiuse) e la lunghezza delle rose, determinante in quello che è di fatto un mini-torneo estivo ad alta intensità.

Poco cambierà per la Pro Vercelli, che avendo concluso il torneo al quattordicesimo posto non è in lizza né per un ripescaggio nei playoff né per i playout, fatto che permetterà agli uomini di Gilardino di prepararsi con tutta calma alla prossima stagione, che secondo il presidente Ghirelli inizierà non prima di metà settembre.

Desta infine interesse la finale della Coppa Italia di categoria, anch’essa da disputarsi a differenza degli altri anni in gara unica: Ternana e Juventus Under-23 si scontreranno il 27 giugno in una località non ancora rivelata dai vertici del torneo.
 

Galleria fotografica

Articoli correlati