Non sono mancate le polemiche ma il Comune ha tirato dritto: da questa sera il campo sportivo del centro di via Trieste a Rivarolo Canavese si chiama campo «Grande Torino» a ricorda della squadra degli invincibili che perse la vita il 4 maggio del 1949 precipitando sulla collina di Superga. Una delle squadre di calcio più forti al mondo che ha scritto pagine di storia indelebili per tutti gli amanti di questo sport. Anche per chi non ha mai tifato per i granata.

La città di Rivarolo Canavese ha deciso di intitolare il campo di calcio del complesso sportivo di via Trieste 84 al "Grande Torino" perchè, come recita la motivazione del sindaco Alberto Rostagno, «con una formazione imbattibile, conosciuta e apprezzata da tanti appassionati, incarnò il calcio italiano nel mondo». Una intitolazione che ha preso spunto da un'idea del Toro Club di Rivarolo che quest'anno compie 35 anni.

Presenti alla cerimonia Natalino Fossati e Franco Ossola a rendere omaggio al Grande Torino e all'idea del Comune di ricordare gli invincibili. "Intitolare il campo sportivo al Grande Torino è un dovere perché ce lo chiedono tutti i rivarolesi - ha detto il sindaco Rostagno - un omaggio anche ai tanti tifosi granata che non ci sono più. Ne cito due per tutti che hanno vissuto Rivarolo, l'hotel Europa, e il grande Torino: Achille e Linda Rinetti. Il grande Torino è un patrimonio di tutti quelli che amano il calcio". Il sindaco ha anche ricordato le vittime dell Heysel e il dramma vissuto a Torino in piazza San Carlo, dove ha perso la vita Erika Pioletti.

Galleria fotografica

Articoli correlati