Il Presidente della FIGC Gabriele Gravina esprime tutto il cordoglio del calcio italiano per la scomparsa di Loris Azzaro, arbitro venticinquenne della CAI, scomparso questa mattina in un incidente stradale sulla A5 Torino – Aosta mentre si dirigeva a raggiungere la sede della gara che avrebbe dovuto dirigere nel campionato di Eccellenza in Basilicata: «La morte di Loris Azzaro ci addolora e ci lascia sgomenti. Il calcio italiano si stringe alla famiglia in questo momento di grande dolore. La passione che anima giovani come Loris rappresenta una risorsa straordinaria per il nostro movimento, il suo ricordo vivrà sempre nella serietà e nello spirito di servizio che rende la classe arbitrale italiana un’eccellenza del nostro calcio».   
 
«Il calcio come la Lega Pro è una famiglia. Tutta la Lega Pro con i club si unisce al cordoglio della famiglia Azzaro, dell’AIA e della sezione valdostana per la scomparsa del giovane arbitro Loris Azzaro. Loris ha lasciato una traccia: il suo amore per il calcio e i suoi valori».
 
«L'Aia Ivrea si stringe al dolore della Famiglia e degli amici di Loris Azzaro, arbitro della sezione di Aosta, scomparso tragicamente. Ciao Loris!». Struggente il ricordo dell'amico e collega arbitro Graziano Colacicco: «Più scorre il tempo e più comprendo che certe sberle vanno incassate in silenzio e senza tante lamentele, perché purtroppo in queste situazioni non possiamo fare davvero mai nulla... però Noi Arbitri dell' Aia Ivrea, non ci dimenticheremo MAI di te Loris, per la tua passione, per la tua voglia, per il tuo stile, ma soprattutto per la tua grande bontà che ti ha sempre contraddistinto, dentro e fuori dal campo. E mai dimenticheremo le tante e infinite risate durante i tornei ad Aosta. Sei e sarai sempre prima di tutto, un gran bravo ragazzo! Ciao Amico mio.. e grazie ancora per tutto! Da domani sarai sempre in campo con tutti NOI».
 
«Ciao Loris. Sarai sempre con noi, nei nostri fischi e nelle nostre corse. Nella nostra passione e nel nostro cuore», lo ricorda il Comitato Regionale Arbitri Piemonte e Valle d'Aosta.

Galleria fotografica

Articoli correlati