IVREA - Morti d'amianto in Olivetti, quando il fatto non sussiste

| Riceviamo e pubblichiamo una riflessione sulla vicenda amianto da parte di Francesco Comotto, candidato a sindaco

+ Miei preferiti
IVREA - Morti damianto in Olivetti, quando il fatto non sussiste
Riceviamo e pubblichiamo una riflessione sulla vicenda amianto da parte di Francesco Comotto, candidato a sindaco alle prossime amministrative di Ivrea.

«La sentenza del 18 aprile scorso della Corte d’Appello di Torino ha riaperto una ferita che si pensava in parte rimarginata con le condanne seguite al processo di primo grado “amianto Olivetti”. Assoluzione di tutti i condannati perché “il fatto non sussiste” recita la sentenza in attesa di poterne leggere le motivazioni. Un fatto che invece sussiste, visto dalla parte dei parenti delle vittime, di chi l’ha scampata o da chi si ammalerà nei prossimi anni, è che 14 persone sono morte, solo parlando di quelle relative a questo processo, certamente a causa della fibra killer e non ci sono responsabili.

Quello che sconvolge il normale cittadino è di come sia possibile una giustizia che in primo grado emette una sentenza con condanne importanti e al secondo ribalta completamente quanto stabilito in precedenza. Non è questione di giustizialismo ad ogni costo, sia chiaro, ma questa sentenza assolutoria lascia molto amaro in bocca. La città di Ivrea si è costituta, anche su nostra sollecitazione, come parte civile e certamente, dopo aver esaminato e valutato le motivazioni della sentenza, dovrà fare il possibile per non lasciare cadere così, senza responsabili, una tragedia come questa per la nostra comunità.

Dal nostro punto di vista tutto quanto è accaduto non ha nulla a che vedere con la storia di innovazione industriale e sociale che ha caratterizzato l’azienda di Camillo prima e di Adriano Olivetti poi; quest’ultimo ricordiamo essere mancato nel febbraio del 1960. Nulla ha a che vedere infatti la storia aziendale con eventuali errori o negligenze commesse nel tempo da singole persone per cui ciò che auspichiamo è una giustizia che sappia individuare, senza caccia alle streghe, responsabilità ed eventuali errori o negligenze almeno in nome e in memoria delle vittime.In Italia muoiono mediamente 3.000 persone all’anno per l’amianto e nel solo Piemonte circa 250.

Al di là del processo eporediese, che comunque ha una forte valenza simbolica, dal nostro punto di vista la politica, con particolare riguardo a quella locale, dovrà attivarsi immediatamente per accendere i riflettori sulla salute dei lavoratori come su quella di tutti i cittadini. Servirà investire le necessarie risorse per gli interventi di bonifica e di informazione alla popolazione, ma soprattutto si dovrà attivare, in accordo con le strutture sanitarie e scolastiche un serio piano di prevenzione. E questo non vale solo per la questione amianto, ma anche per tutte le forme di inquinamento ambientale come ad esempio le emissioni in atmosfera a partire da quei PM10 che negli ultimi due anni abbiamo visto superare abbondantemente le soglie di rischio stabilite dalla legge nel silenzio delle istituzioni.

Serve prevenire perché le patologie legate a questo tipo di cause scatenanti si manifestano solamente dopo anni di incubazione tanto che per l’amianto si prevede un picco di morti nel 2020. Non vorremmo dover aspettare 20 anni per sapere che l’aria malsana che respiriamo oggi sarà la causa di morti che con una corretta prevenzione oggi si sarebbero potute evitare. Di certo non si potrà dire che non lo si sapeva perché noi l’abbiamo detto e ridetto anche nelle sedi istituzionali, ma forse sarà troppo tardi».

Politica
CANAVESE - Confindustria Canavese e Uncem lanciano un appello ai candidati all'Europarlamento
CANAVESE - Confindustria Canavese e Uncem lanciano un appello ai candidati all
«Le aree montane sono la spina dorsale dell'Europa: meritano una politica forte che le sostenga»
MAPPANO - Lavori in via Don Murialdo con i 70mila euro statali
MAPPANO - Lavori in via Don Murialdo con i 70mila euro statali
I lavori, da un punto di vista tecnico, sono già iniziati ma entreranno nel vivo all'indomani della chiusura dell'anno scolastico
ELEZIONI RIVAROLO - La Lega lancia la volata per palazzo Lomellini: ecco la lista di Roberto Bonome - FOTO
ELEZIONI RIVAROLO - La Lega lancia la volata per palazzo Lomellini: ecco la lista di Roberto Bonome - FOTO
Quella del carroccio è l'unica lista che si presenta, alle amministrative di Rivarolo, con il simbolo di partito. Scelta chiara, supportata dalla volontà di intercettare l'elettorato che voterà la Lega anche alle Europee e alle Regionali
LEINI - Inaugurata la «Libreria della legalità» alle elementari
LEINI - Inaugurata la «Libreria della legalità» alle elementari
A beneficiare della libreria saranno le classi quarte e quinte che saranno chiamate ad utilizzare il metodo del book crossing
COSSANO - Dodicesima edizione del Premio Cultura Giulia Avetta
COSSANO - Dodicesima edizione del Premio Cultura Giulia Avetta
Lo promuove anche quest'anno l'organizzazione di Volontariato «Frammenti di Storia al Femminile» che è attiva del 1998
PRASCORSANO - Una panchina rossa contro la violenza sulle donne
PRASCORSANO - Una panchina rossa contro la violenza sulle donne
«Se pensate che quella panchina rossa sia un pugno in un occhio, sappiate che il suo significato, è proprio l'opposto...»
CANAVESE - In quattro Comuni arriva la rete wifi con internet gratis
CANAVESE - In quattro Comuni arriva la rete wifi con internet gratis
Secondo bando «Wifi4Eu» che assegna ad ogni Comuni vincitore 15.000 euro per l'installazione di reti wifi gratuite
CHIVASSO - Arrivano i soldi per la bonifica delle discariche
CHIVASSO - Arrivano i soldi per la bonifica delle discariche
Sbloccati i fondi Cipe, 1,5 milioni di euro, per la bonifica e la messa in sicurezza della discarica in frazione Pogliani
CANAVESE - Contributi a otto Comuni per facilitare la fruizione dei parchi gioco ai bambini disabili
CANAVESE - Contributi a otto Comuni per facilitare la fruizione dei parchi gioco ai bambini disabili
I progetti finanziati sono quelli giudicati ammissibili dalla Regione sulla base del bando emesso nei mesi scorsi, che stanziava complessivamente 625.000 euro a copertura della metà delle risorse necessarie per effettuare ogni intervento
CASELLE - Elisabetta Oliveri è la nuova presidente della Sagat
CASELLE - Elisabetta Oliveri è la nuova presidente della Sagat
Il Consiglio ha infine rinnovato la fiducia all’Amministratore Delegato Andrea Andorno, in carica dal 24 gennaio 2019
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore