E' stata un'altra nottata ad alta tensione, quella appena trascorsa, per le Valli Orco e Valchiusella dove, da domenica e lunedì, imperversano gli incendi boschivi. Ancora una volta le fiamme sono arrivate a lambire diversi centri abitati, in particolare quelli delle frazioni di Sparone, Locana e Traversella. In molti casi frazioni fantasma perchè gli abitanti, già nei giorni scorsi, hanno deciso di lasciare le case. Frazioni che sono presidiate costantemente dai carabinieri della compagnia di Ivrea, anche di notte presenti in forze.

Encomiabile il lavoro di vigili del fuoco e Aib provenienti da tutto il Canavese. Dopo l'allarme lanciato ieri dai sindaci, l'auspicio è che oggi possano essere inviati i canadair per combattere gli incendi anche dall'alto. Intanto ieri sera i vigili del fuoco sono stati impegnati su un altro fronte a Ivrea, vicino all'area industriale di San Bernardo. L'incendio è stato domato ma ha tolto importanti risorse per i roghi in corso nelle valli di montagna. Purtroppo, a causa della siccità, basta davvero una sigaretta non del tutto spenta per provocare un disastro. E c'è ormai la certezza, oltretutto, che gli incendi a Locana e Traversella sono stati provocati dai piromani.  

Grazie a tutti i lettori che in queste ore hanno inviato immagini degli incendi alla redazione! Nel video qui sotto la situazione, intorno all'una di notte, in alcune borgate di Sparone lungo la ex statale 460.

Galleria fotografica

Articoli correlati