Le indagini dei carabinieri della tenenza di Ciriè hanno scoperto l’esistenza di un gruppo criminale che si componeva di tre arrestati e di alcuni carrozzieri indagati, che commissionavano furti di Fiat 500 in allestimento Abarth e Fiat Panda da destinare prevalentemente a ricambi, molto ricercati sul mercato clandestino. In alcuni casi le automobili rubate venivano rivendute dopo aver sostituito la targa e aver contraffatto il numero di telaio.
 
Quattordici i furti documentati e centinaia gli autoricambi individuati dai militari dell’Arma per un valore complessivo di oltre 200 mila euro. Alcuni degli arrestati dovranno rispondere anche di detenzione illegale di armi da fuoco, perché trovati in possesso di armi da sparo provento di furto e di centinaia di munizioni. Sequestrati anche oltre 700 grammi tra cocaina, marijuana e hashish.

Nel corso di una perquisizione in una carrozzeria a Torino, i carabinieri hanno sequestrato 15 mila euro in contanti e numerose centraline. I tre italiani in arresto, uno in carcere e due ai domiciliari, sono ritenuti responsabili in concorso di furto aggravato e ricettazione di autovetture e di porto abusivo di armi e munizioni. 

Galleria fotografica

Articoli correlati