Più di 350 interventi nei pronto soccorso del Canavese tra San Silvestro e Capodanno. Bilancio in linea con quello degli anni scorsi. Nessuna persona è stata soccorsa a causa di ferite provocate dai botti. Il più grave a Cuorgnè dove un ragazzo di tredici anni è arrivato in ospedale praticamente in coma etilico e con una ferita alla testa dovuta ad una caduta accidentale. Nel corso della serata di festa, infatti, il giovane ha esagerato con l'alcol e, nel pieno della sbronza, è caduto malamente sbattendo la testa al suolo. E' stato curato e dimesso la mattina dopo dal personale del pronto soccorso di Cuorgnè. A Ivrea una ventina i pazienti che sono stati costretti a ricorrere alle cure dell'ospedale per un eccesso di alcol. Una trentina, invece, gli interventi simili al pronto soccorso dell'ospedale di Chivasso.

Galleria fotografica

Articoli correlati