Sia a Pont che a Forno ci sono state truffe in abitazioni da parte di due soggetti piemontesi, uno vestito da vigile urbano ed un altro con gilet della Smat, che hanno chiesto di entrare in casa per effettuare dei prelievi d'acqua a seguito di segnalazioni di possibile inquinamento.

Una volta entrati, con le solite scuse di utilizzo apparecchiature per rilevamento tracce metalliche, si sono impossessati di oro e contanti. I malviventi prendono di mira quasi sempre persone anziane che vivono sole. L'unica precauzione efficace è quella di non far entrare nessuno in casa.    

Quando qualcuno insiste basta chiamare il 112 e nel frattempo far attendere i presunti tecnici fuori dalla porta. Nessun tecnico dell'acquedotto è autorizzato ad entrare nelle abitazioni e, tra l'altro, non ne ha nemmeno bisogno visto che può lavorare anche all'esterno. In ogni caso, per qualsiasi dubbio, è necessario chiamare subito il 112. La telefonata è gratuita.

Galleria fotografica

Articoli correlati