E’ successo più volte che, a causa di guasti improvvisi, i mezzi per le corse extraurbane di Ivrea siano rimasti in deposito. Gli utenti, invece, sono rimasti alle fermate in attesa di bus che, alla fine, non sono mai arrivati. Negli ultimi dieci giorni, a rimetterci sono stati gli studenti diretti da Ivrea a Pavone e Banchette, ma anche gli studenti delle medie che da Burolo e Samone dovevano raggiungere Ivrea.
 
Corse che saltano all’improvviso, pendolari e studenti a piedi. Negli ultimi giorni i servizi pubblici Gtt sono stati parecchio carenti nella zona di Ivrea e Comuni limitrofi. «La situazione è molto difficile – ammette Gianni Ambrosio, referente della Filt-Cgil – il personale viene chiamato agli straordinari ma, per assurdo, non ci sono i bus per garantire le linee». I problemi sono principalmente due: Gtt aveva assicurato, per Ivrea e il Canavese, l'entrata in servizio di 21 nuovi bus, ma per ora ne sono arrivati soltanto due; il secondo problema è l'età media dei mezzi in circolazione - di circa 18,5 anni, tra i più vecchi del Piemonte -  e la scarsa manutenzione.
 
«Mancano i ricambi per effettuare le corrette riparazioni – conferma ancora Gianni Ambrosio – Serve un piano di investimenti per far fronte a questi problemi». I costi di manutenzione all'anno sono molto elevati, circa 30mila euro per ogni veicolo. Per questo Cgil, Cisl e Uil hanno presentato un progetto per sostituire, in tempi rapidi, tutti i vecchi autobus con moderni pullman elettrici. La Regione Piemonte ha dato il consenso ma per il momento le risorse non ci sono. (F.b.)

Galleria fotografica

Articoli correlati