Il Canavese è di nuovo in lutto per due vittime della strada. Denise Puglia, 23 anni di Alice Superiore (Val di Chy) e Angelo Raffaele Torchia, 52 anni di Rivarolo Canavese. In queste ore i social si sono riempiti di messaggi di cordoglio per le due vittime del tragico incidente di ieri, sabato 19 ottobre, a Leini lungo la ex statale 460 del Gran Paradiso. Uno schianto avvenuto, tra l'altro, in un punto della 460 già teatro di incidenti stradali come dimostrano, purtroppo, i vari mazzi di fiori sistemati lungo i guard-rail di quella strada maledetta.

Denise Puglia, studentessa, era anche volontaria della Croce Rossa. La ricorda così il comitato locale di Castellamonte che, sui social, ha pubblicato anche una foto della ragazza: «Un destino tremendo ha portato via la nostra Denise. Non ci sono parole che possano esprimere il dolore che avvolge chiunque abbia avuto la fortuna di conoscerla. Ciao Denise, ti abbracciamo tutti». Un pensiero anche dal presidente Paolo Garnerone: «La croce rossa italiana di Castellamonte piange per la tragica fatalità che ha portato via Denise. Maledetta strada, maledetto incidente. 23 anni sono troppo pochi. Ci stringiamo alla famiglia senza poter dire o fare nulla che possa aiutarli. Un'altra tragedia ingiusta. Ciao piccola».

Struggente il ricordo del papà Federico, che è stato anche consigliere comunale di Alice Superiore, in Valchiusella (ora Comune di Val di Chy): ha affidato ai social tutto il suo dolore: «Ieri, 19 ottobre, ha lasciato questo mondo, per una nuova dimensione dove spero completerà i suoi sogni, interrotti quasi in fase di arrivo sulla terra, un fiore di 23 anni, una ragazza che aveva vissuto gli ultimi suoi tre anni tra le otto ore di lavoro diurne e, parte della notte per preparasi agli esami della facoltà. Quella strada, quell'auto che è piombata addosso a te, non ci hanno però separati; continueremo a pensarci, a discutere animatamente e, farci gli scherzi anche se in altre dimensioni, cara mia piccola Denise. (Tuo padre)».

Galleria fotografica

Articoli correlati