Va all'asta il castello di Ozegna, pregevole residenza storica nel pieno centro del paese. Il maniero venne realizzato a metà del XV secolo, quando il conte Gottifredo di Biandrate impose alla popolazione l’ampliamento della fortezza. All’interno numerosi affreschi del XVI secolo, realizzati prima del passaggio di proprietà ai Savoia e ai conti di San Martino d'Agliè. La struttura del loggiato, unica in Italia, e parti delle decorazioni in cotto sono state riprodotte al Borgo Medievale di Torino. 
 
Il castello doveva diventare un chatoix-relais di pregio: sostanzialmente un albergo di lusso con una ventina di camere e un ristorante da stella Michelin. Era stato acquisito, nel 2001, da un imprenditore toscano che ha anche investito diversi milioni di euro per i lavori di consolidamento e per una prima parte delle opere di ristrutturazione. Purtroppo le buone intenzioni si sono scontrate con la crisi. La società non ha avuto più risorse a disposizione e i lavori si sono irrimediabilmente fermati. 
 
L'immobile è stato poi pignorato dal tribunale di Ivrea che, adesso, ha deciso per la vendita. Base d’asta 1,1 milioni di euro. L’udienza per la valutazione delle eventuali offerte è fissata il prossimo 18 febbraio. Oltre al castello vanno all’asta altri due edifici che fanno parte delle pertinenze del maniero, compreso un alloggio di civile abitazione che si trova nel ricetto. Gli immobili superano i 1000 metri quadrati. Il castello è composto da quattro piani con sette bagni, nove saloni, otto camere, cucina, porticato e cantina.

Galleria fotografica

Articoli correlati