Partiamo dal bilancio: sette feriti. Due al Cto, quattro a Ivrea e uno a Cuorgnè. Sono quasi tutti vigili del fuoco della squadra 81 di Ivrea. La prima ad arrivare sul posto. Appena si sono avvicinati al capannone, il cui tetto era già avvolto dalle fiamme, sono arrivate le esplosioni. I pompieri che erano nei pressi sono stati investiti dall'onda d'urto e dalle fiamme. Il più grave, ricoverato al Cto di Torino, ha ustioni del terzo grado sul corpo. Se la dovrebbe cavare. Meno gravi gli altri. Un carabiniere, travolto dall'onda d'urto di una delle esplosioni, è rimasto ferito a una spalla. Come gli altri è stato ricoverato a Ivrea. L'autista di un furgone, invece, anche lui investito dalla da una delle deflagrazioni, è stato ricoverato a Cuorgnè. Ma è un miracolo se non si sono registrati morti.
 
L'allarme è scattato poco dopo le 21. Sono intervenute una dozzine di squadre dei vigili del fuoco che hanno avuto ragione delle fiamme dopo oltre tre ore di lavoro. Le operazioni di messa in sicurezza, ovviamente, dureranno molto di più. Sul posto i carabinieri della compagnia di Ivrea e gli agenti del commissariato. Oltre, naturalmente, al personale del 118 che ha preso in consegna i vigili del fuoco feriti. Tutti i distaccamenti del Canavese dei pompieri sono intervenuti sul luogo dell'incendio che, per dimensioni soprattutto, ha ricordato l'altro incendio di Scarmagno, quello di tre anni fa, quando andò distrutto parte dell'ex comprensorio Olivetti.
 
Almeno due abitazioni, quelle vicine all'azienda distrutta dalle fiamme, sono state evacuate. Le esplosioni hanno provocato ampi danni a tutte le aziende del circondario: vetri in frantumi, pareti danneggiate, porte abbattute. L'Arpa di Ivrea sta monitorando l'aria, vista l'evidente preoccupazione data dall'imponente nube di fumo che si è sprigionata dall'incendio. Per precauzione l'istituto comprensivo resterà chiuso. Le pattuglie della polizia municipale hanno fatto il giro di Scarmagno e dei paesi limitrofi con l'altoparlante: «Chiudete le finestre e rimanete in casa». Uno scenario apocalittico, d'altri tempi. Ci sarà tempo per chiarire quello che è successo. La procura d'Ivrea aprirà un fascicolo d'inchiesta. 

Galleria fotografica

Articoli correlati