Sabato nel salone comunale di Cintano, “Muradur & Buscarin” della Valle Sacra hanno consegnato nelle mani dei sindaci dei cinque Comuni altrettanti defibrillatori. Preziosi strumenti in grado di salvare delle vite in caso di emergenza acquistati dal giovani valligiani grazie al ricavato della cena e sottoscrizione a premi, andata in scena qualche mese fa a Borgiallo con la collaborazione della Pro loco. Una cena, quella dei Muradur e Buscarin, che dal 2012 si ripete su iniziativa dei priori Davide Sacchetto e Andrea Monteu. Fino al 2014 il ricavato è andato alla Scuola di Valle. Poi, visto che la tradizione della cena si è interrotta per riprendere nel 2018, per questa edizione i fondi sono stati destinati all'acquisto di cinque defibrillatori per ogni Comune della Valle Sacra.

Alla consegna degli apparecchi hanno presenziato il presidente del comitato di Cuorgnè della Croce Rossa, Carluccio Trione, e il presidente della Cri di Castellamonte, Paolo Garnerone. Il centro di formazione “Roberto Bozzello” della Croce rossa castellamontese ha già assicurato la piena disponibilità per organizzare i corsi per l’uso dei defibrillatori. Con l'auspicio, ovviamente, di non doverli usare mai. Da sabato, comunque, Borgiallo, Cintano, Colleretto Castelnuovo, Castelnuovo Nigra e Chiesanuova sono «cardioprotetti» grazie al buon cuore della popolazione stessa. Un gesto di grande solidarietà che è anche un bene per l'intero territorio.

Galleria fotografica

Articoli correlati