RIVAROLO - «La quarantena può fermare i nostri spostamenti, ma non la nostra fame» questo è il motto di Presto a casa. Presto a casa è una risposta alla paura del coronavirus e vuole aiutare le persone ad aiutarsi, mettendo in contatto popolazione e commercianti. Attraverso il portale coloro che sono bloccati a casa dalla quarantena potranno scoprire quali ristoranti effettuano pasti da asporto, quali supermercati consegnano a casa e quali associazioni possono portare la spesa alle persone più a rischio. Iscriversi a Presto a casa è totalmente gratuito. Mediusa Marketing ha creato il portale senza scopo di lucro, usando il suo Know-how in ambito digitale per provare ad aiutare sia i commerciati che la popolazione ad attraversare questo momento di difficoltà. 
 
Sul portale potranno iscriversi tre categorie: ristoratori che preparano e consegnano a domicilio pasti da asporto, commercianti con servizi di consegna a casa e volontari (e associazioni) che possono uscire al posto di coloro che sono in difficoltà o di salute cagionevole. Gli iscritti saranno divisi per Comune, in modo da non violare le regole per il movimento imposte dal Decreto per il contenimento del Covid-19. 
 
«L’intento è quello di aiutare non solo gli abitanti a fare chiarezza su quali sono i servizi di questo tipo offerti nel loro paese, ma soprattutto tutti i piccoli imprenditori che da un giorno all’altro si sono ritrovati i locali vuoti e con notevoli restrizioni legate alla pandemia in corso - spiegano i promotori - siamo convinti che questa sia solo una brutta parentesi e che presto o tardi ritorneremo ad affollare i locali per mangiare e stare insieme. Adesso è il momento di reagire e tirarsi su le maniche ed è meglio farlo a stomaco pieno, magari grazie a un buon pasto consegnato a domicilio e ai prodotti freschi che possiamo ricevere direttamente alla porta». Presto a casa si può trovare al link: www.prestoacasa.it.

Galleria fotografica

Articoli correlati