Successo a livello internazionale per Alessandro Scaglione, 29 anni di Busano, primo italiano in assoluto ad entrare nella top five di natural body building negli Stati Uniti nella categoria «light wave», pesi leggeri. Una grande emozione per l'atleta canavesano, laureato in tecnologia alimentare e nutrizione umana, che ha lavorato per anni al fine di raggiungere questo prestigioso risultato. Non è stata una gara facile dal momento che il canavesano si è dovuto confrontare con atleti provenienti da tutto il mondo. Alessandro Scaglione, che è stato anche tra i primi tre assoluti, ha poi chiuso con un lusinghiero quinto posto. Un risultato che, vista la qualificata concorrenza, rappresenta qualcosa di eccezionale. Basti pensare che negli Stati Uniti il body building è un'attività che può contare su milioni di praticanti.
 
«Una gran bella esperienza - racconta Alessandro "Alex" Scaglione - in un settore fortemente regolamentato dove sono assolutamente vietati tutti i possibili "aiuti". Per questo motivo si viene sottoposti a diverse prove antidoping, prima, durante e dopo le gare. Sono molto soddisfatto perchè questo risultato è solo frutto di un grande lavoro». In paleatra a Rivara, all'Area sport 8.8, così come alla First evolution di Torino, Scaglione si allena tre ore al giorno, sette giorni su sette. Un altro punto fondamentale è l'alimentazione che, sommata alla totale assenza di medicinali, risulta determinante per i successi sportivi in una disciplina così esigente.
 
«Ho dedicato l'ottimo risultato di New York alla mia famiglia, papà Giovanni, mamma Maria e mio fratello Yari. E' stata una delle giornate più intense, emozionanti, adrenaliniche di tutta la mia vita. Un grosso grazie va al mio preparatore ed amico, Marco Guercioni di San Benedetto del Tronto. La sua preparazione è stata fondamentale per farmi un deciso salto di qualità».
 
E da Rivara sono arrivati i complimenti per l'atleta di Busano: «L'Area Sport 8.8 si complimenta con il nostro Ale per l'obiettivo raggiunto - spiegano dalla struttura rivarese - un favoloso quinto posto al mondiale. In questi mesi ti abbiamo visto concentrato, teso e nell'ultimo periodo sul tuo viso si vedeva tutta la stanchezza e la fatica accumulata in questi mesi di duri allenamenti. Ma nei tuoi occhi abbiamo visto il fuoco della passione e della tenacia che metti in tutte le cose che fai. Tutti i soci sono fieri e onorati di avere un super istruttore e atleta come te». (M.d.)

Galleria fotografica

Articoli correlati