Non solo i rappresentanti degli Enti locali piemontesi sono favorevoli al contenimento dei cinghiali, ma chiedono altre misure che riducano gli incidenti e i danni provocati da questi animali selvatici. Oggi il Cal (Comitato autonomie locali) ha infatti dato parere favorevole unanime alla Pdl 41 proposta da Paolo Ruzzola (Fi), ma in diversi interventi i consiglieri hanno anche sottolineato che si augurano ulteriori provvedimenti in questo senso. Ha presieduto la seduta Davide Crovella.

«La mia proposta – ha chiarito Ruzzola – mira a consentire ai cacciatori di utilizzare anche alcune strade al momento loro vietate, nel periodo di caccia al cinghiale. Ciò consentirà un maggior prelievo della specie, che purtroppo causa circa 1.200 incidenti alle persone ogni anno in Piemonte, oltre a svariati milioni di danni al territorio». Il presidente della quinta Commissione, Angelo Dago, ha ricordato che «il provvedimento è già passato al nostro vaglio ed è un primo importante passo: certamente questa maggioranza ha intenzione di intervenire ancora per contenere il problema cinghiali, molto sentito sul nostro territorio».

Uncem si unisce alla mobilitazione di allevatori, agricoltori e pastori scesi in piazza a Montecitorio, con le Associazioni agricole, per presentare ai Parlamentari il grave problema dell'aumento eccessivo e molto dannoso degli ungulati. I cinghiali oggi sono troppi e "conquistano" pezzi di territorio abbandonati, non più antropizzati, invasi dal bosco. L'abbandono delle aree montane, la desertificazione ha comportato anche questo aumento di selvatici che danneggiano attività agricole e allevamenti. Causano incidenti e gravissimi danni per i quali non vi sono molto spesso indennizi. «Chiediamo con Cia, Coldiretti, Confagricoltura, Fedagri al Governo e al Parlamento, oltre che alle Regioni - afferma Marco Bussone, Presidente Uncem - di intervenire per il riequilibrio delle presenze faunistiche sul territorio, consentendo azioni straordinarie di prelievo. Perchè quello dei cinghiali è un problema sociale ed economico».

Galleria fotografica

Articoli correlati